I poveri

A distanza di più di un secolo da How The Other Half Lives, il memorabile saggio con il quale Jacob Riis svelò per primo il mondo degli «scarti umani», marginalizzati e vittime del capitalismo, e a ottant’anni da Sia lode ora a uomini di fama, nel quale James Agee e Walker Evans realizzarono un primo, perfetto incontro tra scrittura e fotografia raccontando le vite dei fittavoli travolti dalla Grande Depressione, I poveri sposta nuovamente i confini del reportage, portandolo al massimo della sua potenza grazie a uno sguardo profondamente etico, partecipe senz’ombra di patetismi. Vollmann si è messo in viaggio con i suoi taccuini e la sua macchina fotografica, pronto a cogliere la povertà in ogni suo aspetto e sfumatura; ha incontrato, intervistato e ritratto centinaia di persone di ogni nazionalità, dando voce e spazio a quel misto di brutalità e speranza, disperazione e orgoglio, sconfitta e resilienza, che alberga nei dannati della terra e li rende, nel bene come nel male, la quintessenza di un’umanità che sarebbe troppo facile e comodo respingere.


Titolo originale: Poor People
Traduzione: Cristiana Mennella

ISBN: 978-88-3389-180-4
Pagine: 496
Pubblicazione: ott 2020

19,00 € -5%
18,05 € 18.05 EUR

19,00 €

Acquista il cartaceo
Titolo originale: Poor People
Traduzione: Cristiana Mennella

ISBN: 9788833892191
Pubblicazione: ott 2020

10,99 € 10.99 EUR

10,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Le recensioni della stampa

Goffredo Fofi - Internazionale

Una sorta di giro del mondo con macchina fotografica al fianco.
Leggi

Giorgio Fontana - Domenicale - Il Sole 24 Ore

Grandioso reportage. Libero dal senso di colpa e animato dalla consueta, straordinaria potenza espressiva, Vollmann si interroga però continuamente sulla liceità del suo stesso lavoro.
Leggi

Filippo Polenchi - Antinomie

Vollmann, anziché intessere un gioco ri-combinatorio (o di fastidioso upgrade cronologico) dell’antico esemplare, lo rovescia.
Leggi

Mario De Santis - HuffPost

È dar voce agli ultimi, ma anche affondare lame nel loro abisso.
Leggi

Luca Vaglio - Il Foglio

Il punto di vista di Vollmann non è mai assente o sullo sfondo, ma al contrario è sempre al centro della narrazione e ben percepibile.
Leggi

Fabio Zucchella - Blow Up

Le sue opere infrangono le barriere che separano la Narrazione dalla Realtà, la Storia dal Mito, e dilatano vertiginosamente i territori della letteratura possibile.
Leggi

Tommaso Giagni - Avvenire

Se il futuro vedrà schizzare i numeri della povertà in Italia allora un libro come questo offre gli strumenti per ragionare su un tema delicato ma presente.
Leggi

Giuseppe Culicchia - Tuttolibri - La Stampa

Leggere questo libro comporta il fatto di possedere una certa dose di coraggio. Il coraggio di guardare in faccia la realtà in questo nostro mondo.
Leggi

Vanni Santoni - La Lettura - Corriere della Sera

Vollmann, pur ammettendo con candore di non voler conoscere la povertà, riesce a parlare dei poveri in modo moralmente neutro, e quindi sorprendente.
Leggi

Paolo Simonetti - Alias - il manifesto

Al crocevia tra storia orale, ricerca antropologica, riflessione autobiografica, resoconto di viaggio e inchiesta giornalistica, il volume non sfigura accanto a capolavori letterari come "Furore".
Leggi

Alessandro Gnocchi - il Giornale

Mille prediche in favore della povertà non vi rimescoleranno l'anima come cinque pagine di questa autentica opera d'arte.
Leggi

Giuseppe Carrara - La Balena Bianca

Un tentativo di apertura totale che riesce a tratteggiare l’esperienza della povertà senza stereotipi e griglie interpretative prefabbricate.
Leggi

il Fatto Quotidiano

Un reportage intenso e crudo sugli ultimi del mondo.
Leggi

Gian Paolo Serino - La Provincia

Raggiunge le vette narrative, sangue inchiostro, di un moderno Louis Ferdinand Céline.
Leggi

Marco Ciriello - Il Mattino

Il librone di Vollmann è un atto di denuncia con la determinazione di un grande scrittore che ritrae uomini e donne e il loro tempo di sofferenza.
Leggi

Veronica Raimo - il Tascabile

Per Vollmann l’impossibilità di raccontare la propria storia da parte dei poveri, e l’impossibilità di leggerla, è una delle discriminanti fondamentali che impedisce di uscire dalla povertà.
Leggi

Eleonora Giudici - Mangialibri

Impegnativa ma sempre scorrevole la prosa di Vollmann, trascinante il suo ragionare, che si muove tra saggio, studio antropologico e reportage, sempre in bilico sul filo della narrativa.
Leggi

TP24.it

Il viaggio di Vollmann cerca nelle estreme periferie del mondo i tratti comuni e le peculiarità dell’indigenza, cosa significava e cosa significa oggi la parola "povertà".
Leggi

Libreriamo

Tra i migliori libri tradotti in italiano nel 2020.
Leggi

Diva e Donna

Immagini che parlano e parole che non possono lasciare indifferenti: indimenticabile reportage tra le periferie del mondo.
Leggi

Di Più

Un formidabile, potentissimo libro-reportage di uno dei più grandi scrittori viventi.
Leggi

La Bottega di Hamlin

Bellissimo reportage di William T. Vollmann.
Leggi

The World News

Un crescendo costante di domande sempre più feroci, sempre più destinate a restare senza risposte.
Leggi