Come un'onda che sale e che scende

Pensieri su violenza, libertà e misure d'emergenza

«La storia del mondo è la storia della violenza». Partendo da questo assunto di base, Vollmann si è posto l’obiettivo di «elaborare un sistema di calcolo morale [...] che chiarisse quando è accettabile uccidere, quante persone si possono uccidere e così via».
Elaborato nel corso di vent’anni, Come un’onda che sale e che scende si basa da un lato su un colossale lavoro sulle fonti (filosofia, teologia, biografie di tiranni, signori della guerra, criminali, attivisti e pacifisti), dall’altro su una serie di esperienze dirette, spesso estreme, che hanno portato l’autore nel cuore dei conflitti di fine Novecento e nelle zone più degradate delle grandi metropoli. Scorrono nelle pagine figure storiche – Platone, Montezuma, Cicerone, Robespierre, Lenin, Leonida, Hitler, san Tommaso, Gandhi, Giulio Cesare – e persone comuni che della violenza hanno fatto un metodo, di difesa o di offesa: i grandi della storia e gli individui più anonimi abbracciati con la stessa equanimità, priva di ogni morale preconfezionata ma sorretta da un’etica profonda e partecipe.
Torna in una nuova edizione il capolavoro di Vollmann, trasformatosi negli anni in oggetto di culto e di ricerca per collezionisti: un saggio-mondo nel quale erudizione, indagine storica ed esperienza personale convergono creando una riflessione senza precedenti sulla natura umana e sulla sua perenne sospensione tra bene e male, sopraffazione e autodifesa, guerra e pace. 

Traduzione: Gianni Pannofino

ISBN: 978-88-3389-387-7
Pagine: 986
Pubblicazione: ago 2022

25,00 € -5%
23,75 € 23.75 EUR

25,00 €

ACQUISTA
Traduzione: Gianni Pannofino

ISBN: 9788833894331
Pagine: 986
Pubblicazione: ago 2022

15,99 € 15.99 EUR

15,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Le recensioni della stampa

Tommaso Giartosio - Fahrenheit - Rai Radio Tre

Intervista a William T. Vollmann.
Leggi

Paolo Simonetti - Alias - Il Manifesto

Intervista a William T. Vollmann.
Leggi

Raffaella De Santis - La Repubblica

«La libertà totale di parola è un'illusione come la stessa democrazia perfetta» - Intervista a William T.Vollmann.
Leggi

Marco Bruna - La Lettura - Corriere della Sera

Intervista a William T. Vollmann: «Se la natura umana può essere cambiata, è teoricamente possibile estirpare la violenza. Ma sono molto scettico: ovunque sia stato, dall'Afghanistan alle altre region...
Leggi

Diva e Donna

Uno degli scrittori più autorevoli degli ultimi anni.
Leggi

Michele Monina - Tag 43

Fastidioso come un taglio fatto maneggiando incautamente un foglio di carta e affascinante come passare le dita su una cicatrice che ci ricorda un incidente dal quale siamo usciti miracolosamente vivi...
Leggi

Gian Paolo Serino - La Provincia di Lecco

Non un saggio sui confini estremi del mistero della vita, malavita: che pulsa in ogni pagina, in ogni frase, in ogni parola.
Leggi

Angelo Cennamo - Telegraph Avenue

Va letto perché è un libro di Vollmann e Vollmann è tra i pochi geni della parola scritta rimasti in circolazione dopo la scomparsa di Bolaño.
Leggi

Torino Cronacaqui

I grandi della storia e gli individui più anonimi abbracciati con la stessa equanimità, priva di ogni morale preconfezionata ma sorretta da un'etica profonda e partecipe.
Leggi