Mio padre, il pornografo

Quando Andrew J. Offutt muore, suo figlio Chris eredita una scrivania, un fucile e otto quintali di pornografia. Romanzi scritti in pochi giorni e venduti in decine di migliaia di copie, approfittando della fame di erotismo che aveva travolto un’intera nazione dopo la rivoluzione sessuale degli anni Sessanta. Una carriera, quella di Andrew, cominciata per pagare le cure dentistiche del figlio e poi trasformatasi in un’autentica ossessione, consumata nel chiuso di uno studio inaccessibile ai suoi cari, eccetto che alla moglie, pronta a dattiloscrivere le sue spericolate incursioni nella pornografia.
Chris si immerge negli scritti padre, e si rende conto di trovarsi davanti un’opportunità irripetibile per comprendere finalmente l’uomo difficile, instabile, a volte crudele che ha amato e temuto in eguale misura.
Mio padre, il pornografo ci racconta la vita di uno scrittore professionista, che sa di poter sostenere la propria famiglia solo attraverso l’incessante lavorio della sua penna, ma ci rivela anche il carico di rabbia e dolore che ogni padre trasmette ai propri figli, il conflitto fra creatività e produzione di massa, e infine cosa voglia dire crescere sulle colline del Kentucky, in un mondo isolato in cui la libertà, la felicità, la spensieratezza sono inestricabilmente legate a un retaggio di povertà, ribellione e violenza.

Titolo originale: My Father, the Pornographer
Traduzione: Roberto Serrai

ISBN: 978-88-3389-014-2
Pagine: 296
Pubblicazione: mar 2019

18,00 € -15%
15,30 € 15.3 EUR

18,00 €

Acquista il cartaceo
Titolo originale: My Father, the Pornographer
Traduzione: Roberto Serrai

ISBN: 9788833890531
Pubblicazione: mar 2019

9,99 € 9.99 EUR

9,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Altri libri di Chris Offutt:

Le recensioni della stampa

Francesco Pacifico - Robinson - la Repubblica

La genialità di Offutt sta nel dividersi tra amorale archivista e narratore delicato.
Leggi

Liborio Conca - TuttoLibri - La Stampa

"Mio padre, il pornografo" è anche il racconto di quell'America underground della narrativa di genere.
Leggi

Daria Catulini - L'indiependente

Il racconto di un padre sulle cui orme il figlio ha deciso di incamminarsi trascinandosi dietro carta e penna per il resto della vita.
Leggi

Daniele Abbiati - Il Giornale

Essere uno scrittore significa avere un fardello di infelicità, da appoggiare sui fogli per avere un minimo di sollievo.
Leggi

La Lettura - Corriere della Sera

Un assaggio dal memoir di Chris Offutt.
Leggi

Michele Neri - GQ

Un capolavoro tenero e spiazzante.
Leggi

Liborio Conca - Minima&moralia

Dagli scatoloni invasi dalla polvere e stracolmi di appunti, romanzi e disegni, affiorano versioni di Andy che per Chris non sono affatto semplici da gestire.
Leggi

Camillo Langone - Il Giornale

Offutt racconta la perdita del padre: dramma e autobiografismo.
Leggi

Gabriele Ottaviani - Convenzionali

Uno straordinario atto d’amore per la famiglia e per la letteratura, un apologo sul potere salvifico della scrittura.
Leggi

Il rifugio dell'ircocervo

Per certi versi, sembra di leggere un lungo racconto di Carver, soprattutto perché la vicenda ha inizio alla fine.
Leggi