I poveri

A distanza di più di un secolo da How The Other Half Lives, il memorabile saggio con il quale Jacob Riis svelò per primo il mondo degli «scarti umani», marginalizzati e vittime del capitalismo, e a ottant’anni da Sia lode ora a uomini di fama, nel quale James Agee e Walker Evans realizzarono un primo, perfetto incontro tra scrittura e fotografia raccontando le vite dei fittavoli travolti dalla Grande Depressione, I poveri sposta nuovamente i confini del reportage, portandolo al massimo della sua potenza grazie a uno sguardo profondamente etico, partecipe senz’ombra di patetismi. Vollmann si è messo in viaggio con i suoi taccuini e la sua macchina fotografica, pronto a cogliere la povertà in ogni suo aspetto e sfumatura; ha incontrato, intervistato e ritratto centinaia di persone di ogni nazionalità, dando voce e spazio a quel misto di brutalità e speranza, disperazione e orgoglio, sconfitta e resilienza, che alberga nei dannati della terra e li rende, nel bene come nel male, la quintessenza di un’umanità che sarebbe troppo facile e comodo respingere.


Titolo originale: Poor People
Traduzione: Cristiana Mennella

ISBN: 978-88-3389-180-4
Pagine: 496
Pubblicazione: ott 2020

19,00 € -5%
18,05 € 18.05 EUR

19,00 €

Acquista il cartaceo
Titolo originale: Poor People
Traduzione: Cristiana Mennella

ISBN: 9788833892191
Pubblicazione: ott 2020

10,99 € 10.99 EUR

10,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Le recensioni della stampa

Goffredo Fofi - Internazionale

Una sorta di giro del mondo con macchina fotografica al fianco.
Leggi

Tommaso Giagni - Avvenire

Se il futuro vedrà schizzare i numeri della povertà in Italia allora un libro come questo offre gli strumenti per ragionare su un tema delicato ma presente.
Leggi

Giuseppe Culicchia - Tuttolibri - La Stampa

Leggere questo libro comporta il fatto di possedere una certa dose di coraggio. Il coraggio di guardare in faccia la realtà in questo nostro mondo.
Leggi

Vanni Santoni - La Lettura - Corriere della Sera

Vollmann, pur ammettendo con candore di non voler conoscere la povertà, riesce a parlare dei poveri in modo moralmente neutro, e quindi sorprendente.
Leggi

Alessandro Gnocchi - il Giornale

Mille prediche in favore della povertà non vi rimescoleranno l'anima come cinque pagine di questa autentica opera d'arte.
Leggi

Paolo Simonetti - Alias - il manifesto

Al crocevia tra storia orale, ricerca antropologica, riflessione autobiografica, resoconto di viaggio e inchiesta giornalistica, il volume non sfigura accanto a capolavori letterari come "Furore".
Leggi

Giuseppe Carrara - La Balena Bianca

Un tentativo di apertura totale che riesce a tratteggiare l’esperienza della povertà senza stereotipi e griglie interpretative prefabbricate.
Leggi

il Fatto Quotidiano

Un reportage intenso e crudo sugli ultimi del mondo.
Leggi

Gian Paolo Serino - La Provincia

Raggiunge le vette narrative, sangue inchiostro, di un moderno Louis Ferdinand Céline.
Leggi

Marco Ciriello - Il Mattino

Il librone di Vollmann è un atto di denuncia con la determinazione di un grande scrittore che ritrae uomini e donne e il loro tempo di sofferenza.
Leggi

Veronica Raimo - il Tascabile

Per Vollmann l’impossibilità di raccontare la propria storia da parte dei poveri, e l’impossibilità di leggerla, è una delle discriminanti fondamentali che impedisce di uscire dalla povertà.
Leggi

The World News

Un crescendo costante di domande sempre più feroci, sempre più destinate a restare senza risposte.
Leggi