Perdersi è meraviglioso

Interviste sul cinema

David Lynch (1946) è uno dei massimi cineasti statunitensi degli ultimi decenni, vincitore di due Palme d’Oro a Cannes, due César e un Leone d’Oro alla carriera. Con film come Eraserhead e Inland Empire, passando per The Elephant Man, Velluto blu, Twin Peaks e Mulholland Drive, Lynch ha affermato negli anni un proprio personalissimo stile fatto di ambiguità, mistero, perversione, di situazioni vissute in un confine indistinguibile fra sogno e realtà. Gli autori di queste ventiquattro interviste – che ripercorrono l’intera carriera del grande regista, dal 1977 fino a oggi – scavalcano abilmente il riserbo quasi maniacale di Lynch sul significato dei propri film, riuscendo a farlo aprire a risposte mai scontate ma sempre penetranti, con ampie digressioni sulle altre forme artistiche che ama: dalla pittura alla musica, al design. Fra notazioni tecniche, aneddoti dal set, ricordi personali e vere e proprie dichiarazioni di poetica, queste pagine offrono un indimenticabile ritratto in presa diretta di uno dei registi più visionari e geniali della storia del cinema.

Titolo originale: David Lynch Interviews
Traduzione: Francesco Graziosi

ISBN: 978-88-7521-838-6
Pagine: 441
Pubblicazione: mag 2017

18,00 € -15%
15,30 € 15.3 EUR

18,00 €

Acquista
Titolo originale: David Lynch Interviews
Traduzione: Francesco Graziosi

ISBN: 9788875215620
Pubblicazione: mag 2017

9,99 € 9.99 EUR

9,99 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Le recensioni della stampa

Rivista Studio

30 anni di Velluto blu: un estratto su Rivista Studio.
Leggi

Corrado Ravaioli - Libro Guerriero

Imprescindibile, in particolare per chi non si accontenta della superficie ma vuole capire cosa accade nella testa del regista, quando nasce il processo creativo.
Leggi

Irene Bignardi - Il Venerdì - La Repubblica

Il libro d'interviste che prova a raccontare il mistero Lynch.
Leggi

Erica Re - Film Tv

Ventiquattro interviste. Ovvero ventiquattro tentativi di afferrare quel genio assoluto che è David Lynch.
Leggi

Paolo Pecere - Orwell - Pubblico

Che cosa vuol dire "lynchiano".
Leggi

Francesca Serafini - Book Detector

Per capire a fondo le accezioni di "lynchano", si devono guardare i film dello «zar del bizzarro», oppure si possono leggere le sue interviste.
Leggi

Roberto Escobar - Il Sole 24 Ore

David Lynch appare come un eccentrico sovvertitore dei valori tradizionali americani, attraverso i suoi fantasmi e le sue storie senza inizio e senza fine.
Leggi

Giancarlo Mancini - Alias - Il manifesto

Proprio da un libro del genere potrebbe partire una «storia» di David Lynch.
Leggi

Andrea Sesta - Finzioni

David Lynch è Itaca, fisicamente raggiungibile, ma noi siamo Ulisse, appassionati ma dispersi nelle sue opere.
Leggi

Paolo Valentini - Pubblico

Una filmografia, quella di Lynch, talmente ricca da diventare leggendaria.
Leggi

La Provincia

Questo libro dimostra che David Lynch ama parlare di sé.
Leggi

Lettera 43

Un libro per gli amanti di Lynch. E anche per quelli che non l'hanno mai capito.
Leggi

Vanessa Palmiero - Flanerí

Durante o dopo la lettura, il libro spinge quindi a domandarsi, quasi in modo naturale, che rapporto intercorra tra il lessico di Lynch e la sintassi del suo testo filmico. Dalle interviste emerge una...
Leggi

Vittorio Castelnuovo - Mille Pagine - Blog di Vittorio Castelnuovo

Il clima delle conversazioni recupera quello visionario dei suoi lavori.
Leggi

Guido Siliotto - Il Tirreno

Se c'è un regista rock, questo è David Lynch.
Leggi

Graphe.it

Il grande regista ci prende per mano per entrare dalla porta di ingresso del mondo del cinema.
Leggi