Fare scene

Una storia di cinema

Questa edizione contiene un capitolo inedito

In Fare scene, Starnone racconta una storia individuale che si allarga fino ad abbracciare la parabola dell’Italia negli ultimi sessant’anni. Nella prima parte del libro, un bambino cresciuto nella Napoli proletaria del dopoguerra compie la sua educazione sentimentale circondato dall’atmosfera irripetibile delle sale cinematografiche di allora. Nella seconda parte, quel bambino, diventato un adulto di inizio secolo, non si limita a guardare i film, li fa: è diventato uno sceneggiatore. Ma il cinema di oggi non è più quello di Rossellini, Totò, Fellini, Anna Magnani. E così − mentre assistiamo alla trasformazione di un ambizioso progetto cinematografico in un prodotto dolciastro e scontato − ci rendiamo conto che non è solo il protagonista ad aver perso lo sguardo incantato, ma tutto un paese sempre più desolante.


«La strada che andava da via Gemito al cinema mi è sempre sembrata lunghissima e inessenziale. In realtà erano quattro passi, la conoscevo a memoria. Affrettavo il passo, mi tiravo dietro i fratelli. Nostra nonna gridava: venite qua, non scendete il marciapiede che finite sotto le macchine. Mi fermavo. L’ultima cosa che volevo era essere investito da un’automobile prima di vedere il film».

Tratto da Fare scene


Ascolta
 i servizi di Radio Colonia sul libro di Domenico Starnone  

ISBN: 978-88-7521-471-5
Pagine: 178
Pubblicazione: feb 2013

9,00 € -15%
7,65 € 7.65 EUR

9,00 €

Acquista
ISBN: 9788875215064
Pubblicazione: feb 2013

4,99 € 4.99 EUR

4,99 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Le recensioni della stampa

Susan Harris - Words Without Borders

An interview with Domenico Starnone.
Leggi

Mimmo Mastrangelo - Leggere Tutti

Il piacere di Starnone di srotolare la pellicola dei sui primi amori filmici
Leggi

Francesco Pettinari - L'indice dei libri

I film, la televisione, prima d'essere immagini erano scrittura
Leggi

Grandain

Domenico Starnone e il suo Fare scene a "Scrittorincittà".
Leggi

Francesco Improta - Corriere Nazionale

L'atmosfera magica, onirica che si respirava in quegli anni nelle sale cinematografiche affollate e fumose
Leggi

Pasquale Bottone - Libri & Suoni

Lettura di grande raffinatezza ed efficacia.
Leggi

Enrica Brocardo - Vanity Fair

Domenco Starnone a Mantova.
Leggi

Enzo Rammairone - Rockerilla

Una riflessione sincera sulla contemporaneità, sull'importanza e la forza dell'arte e di rappresentare la realtà
Leggi

La Nazione

Il resoconto della malattia dell’amore per il cinema.
Leggi

Andrea Di Gennaro - La Provincia

Divertentissimo.
Leggi

Silvia Di Paola - La Sicilia

L'allucinazione del cinema. La sola che può rimandarci la realtà più vera del vero.
Leggi

Gabriele Ametrano - Corriere fiorentino

L'influenza del cinema sulla nostra vita.
Leggi

Goffredo Fofi - L'Unità

Le "confessioni" di Starnone.
Leggi

Stefano Ciavatta - Il Riformista

Il racconto di un apprendistato cinematografico.
Leggi

Andrea Velardi - Il Messaggero

Una successione incantevole di immagini e di evocazioni in cui non si respira mai, fortunatamente, una svagata e sommaria nostalgia del ricordo.
Leggi

Giovanni Dozzini - Europa

Fare scene è un libro che si legge tutto d'un fiato, breve e leggero, ma molto di più di un divertissement.
Leggi

Valeria Parrella - Grazia

Il libro dell'uomo che ha incrociato con successo ed eleganza tanto il mondo della letteratura quanto quello del cinema.
Leggi

Fabrizio Ottaviani - Il Giornale

In Fare scene c'è tutto il mestiere, e probabilmente anche le convinzioni sull'esistenza, di Domenico Starnone.
Leggi

Paola Baratto - Giornale di Brescia

È una riflessione sul concetto stesso dell'arte, non solo sul cinema.
Leggi

Sergio Rotino - L'Informazione

Biografia? Confessione? Di più. Un atto di devozione che non ammette repliche.
Leggi

Lo Straniero

Scrittore di primo piano nella scena italiana, Domenico Starnone racconta un sé che scopre nel cinema un modo di compitare la vita, di apprendere a guardare e narrare
Leggi

Giulia Mozzato - Wuz

Uno spaccato obiettivo che ci mostra l'altra faccia del successo e ci svela cosa significhi davvero "fare scene" nell'Italia di oggi.
Leggi

Mario Sesti - Film Tv

Un libro molto bello che riscatta la cinefilia, divenuta ormai da troppo tempo una tifoseria per sfigati indignati.
Leggi

Oscar Iarussi - La Gazzetta del Mezzogiorno

Nel libro di Starnone si ritrova la magia del cinema.
Leggi

Marinella Doriguzzi Bozzo - Giudizio Universale

Starnone ha un suo particolarissimo dono di scrittura, fatto di sapienza tecnica, chiarezza e capacità di riflessione.
Leggi

Monica Florio - L'Avanti!

Sedotti dal cinema.
Leggi

Irene Bignardi - Vanity Fair

Una lettura divertente.
Leggi

Emiliano Morreale - Il Sole 24 Ore

Starnone sceglie di seguire il filo del cinema come metafora della fuga da un mondo in cui si sta a disagio ma anche come infinita possibilità di eterna reinvenzione.
Leggi

La Repubblica - Ed. Napoli

Fare scene nella top five.
Leggi

Stefano Gallerani - Alias - Il manifesto

Fare scene è insieme una confessione dell'amore per il cinema, e una narrazione della difficoltà di scendere a patti con la realtà.
Leggi

Francesco Durante - Corriere del Mezzogiorno

Quando al Vomero era bello sognare di diventare «finto».
Leggi

Chiara Valerio - L'Unità

Con una lingua ironica, esatta, divertita e sopravvissuta Starnone racconta una favola borghese e fortunata.
Leggi

Antonio Prudenzano - Affari Italiani

Intervista a Domenico Starnone.
Leggi

Walter Siti - La Stampa

Quel che fa la bellezza di questo romanzo è la sprezzatura stilistica di chi, con la serenità della vecchiaia, è capace di usare la propria autobiografia, senza pose e senza smargiassate, come signifi...
Leggi

Enzo Verrengia - Conquiste del Lavoro

I ricordi non bastano.
Leggi

Sandro Veronesi - La Repubblica

Starnone è da anni uno dei migliori scrittori che ci siano in giro e come tale ha scritto un libro, bellissimo, che ci illustra in maniera struggente il duro destino di chi è contagiato dall'amore per...
Leggi

Stefano Donno - Il Recensore.com

Un libro meraviglioso e splendido.
Leggi

Mirella Armiero - Corriere del Mezzogiorno

«Amo tutti i film, belli, brutti, mediocri. Mi riconosco totalmente in un verso di un poeta americano che a occhio e croce dice: sto per morire, andrò al cinema.»
Leggi

Corriere del Mezzogiorno.it

Intervista a Domenico Starnone.
Leggi