Sei stato felice, Giovanni

Leggere l’esordio di un classico è come assistere a un fenomeno naturale. In fondo, scrisse Calvino per tutti, il primo libro è il solo che conta, e forse bisognerebbe scrivere quello e basta. Sei stato felice, Giovanni è il grande strappo che Arpino diede alla sua vita. Aveva ventitré anni e alloggiava in una pensioncina di Genova, lurida e malfamata. Ci mise venti giorni. Venti giorni per inventare una voce. E un paesaggio. Per dire addio agli amici, alla giovinezza, agli amori impossibili, alle tante allegrie e disperazioni di ogni età precaria. Per gettarsi alle spalle gli Hemingway e gli Steinbeck, Vittorini e Pavese, il cinema francese e il lungo intervallo della guerra. Il primo libro di Arpino è un libro di congedi. Una storia da ultima sbronza, in attesa dell’età adulta e del porco avvenire. L’avventura di chi portava la solitudine come un berretto e si sentiva un proiettile disperso, un reduce, anche se non ricordava più da cosa. Il suo protagonista sa che deve muoversi, cercare un lavoro. Ma intanto si ubriaca, litiga, si innamora, contrae debiti e sfortune. È pigro, crudele e prodigo. Non può che abitare un porto, averne l’odore, appartenere a un’umanità di marinai, di prostitute, di vagabondi. Un porto che si chiama Genova, con quell’aria svelta e sottile di mare, ma che potrebbe essere Buenos Aires o essere qualsiasi altro posto. Perché Sei stato felice, Giovanni è un libro che parla con parole vere, prepotenti e insostituibili.
Minimum fax è orgogliosa che sia proprio Giovanni Arpino il primo scrittore italiano a entrare nella collana dei classics.

ISBN: 978-88-7521-904-8
Pagine: 266
Pubblicazione: mar 2018

16,00 € -15%
13,60 € 13.6 EUR

16,00 €

Acquista
ISBN: 9788875219499
Pubblicazione: mar 2018

8,99 € 8.99 EUR

8,99 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Le recensioni della stampa

Simona Maggiorelli - Left

La vitale testimonianza di un irregolare della letteratura.
Leggi

Andrea Caterini - Il Giornale

Contrordine, lettori: i grandi romanzieri sono per piccoli editori.
Leggi

Giuliano Malatesta - Studio

Un testo che ha il sapore di fine gioventù ma non ancora di età adulta, dove si respira l’aria salmastra di porto, si incontrano marinai e puttane, ci si sbronza, si parla di ribellione e si pensa a H...
Leggi

Robinson - la Repubblica

Un estratto dalla posfazione di Gianni Mura a "Sei stato felice, Giovanni" di Giovanni Arpino.
Leggi

Crocifisso Dentello - il Fatto Quotidiano

Un cambio di prospettiva nella ricezione dell'opera di Arpino.
Leggi

Giacomo Giossi - Il Foglio

Giovanni Arpino, scrittore anarcoide e commentatore sportivo mai banale, pone così il suo romanzo in una chiave neorealista.
Leggi

Evelina Guerreschi - Finzioni

Gli italiani entrano a gamba tesa nella collana Classics con il romanzo d’esordio di Giovanni Arpino.
Leggi

Angelo Cennamo - Telegraph Avenue

Una storia di sbronze, un inno all’amicizia, alla libertà, alla vita, scritto di getto da un giovane autore di belle speranze che merita di essere riscoperto.
Leggi

Saverio Mariani - attaccato e minuscolo

Un affastellarsi straordinario e affascinante di sensazioni, memorie, racconti, fame, solitudine e ricerca della felicità.
Leggi

Gabriele Ottaviani - Convenzionali

Un mondo marginale ma impregnato di autenticità, narrato senza infingimenti, ricco di citazioni e suggestioni, in primo luogo della grande letteratura americana, ma al tempo spesso originale.
Leggi

Mondo Padano

Una storia che stordisce per la sincerità con cui è scritta e arriva dritta al cuore grazie allo stile scarno ma chirurgicamente perfetto.
Leggi