Autobiogrammar

Titolo originale: Autobiogrammatica
Book published: February 2024
Book pages: 440
Rights sold to:


In these times it’s rare that writing tries to find new ways. Autobiogrammar is different from other books, it’s a vertiginous game. It aims to narrate an existence – unique and common – as the story of a language. Actually, there is a secret link between two sinuous lines along which our life winds. On the one hand the apprenticeship of the alphabet, names, the family lexicon, the insults, jokes, foreign languages, secret codes, poetry. On the other hand, the intrusive love for parents, the school which is a journey into the unknown, the seductions and deferrals of friendship and desire, dealing with a place in the world – in an Italy in which privilege, prejudice, political and private violence reign.

Trying to draw out the links that connect this double helix means to ask oneself: which letters have the taste of sugar in our lips, and where does this pleasure come from? What’s the alphabet book of our love stories ? Which words enclose our fears?


Language as the origin of consciousness and of the world, the genealogy of affection, identity and dis-identity, the filter for our eyes, the only chance to give sense to what we live. The mother tongue and the tongue set free. Language that is not just the poetic return of the narration, but the very substance of this narration. And above all, around all, the babel of our existences and the ones of those who have lived before us.


Press reviews

Demetrio Paolin - La Lettura - Il Corriere della Sera

Un testo ircocervo, in parte diario di formazione, memorie dell'adolescenza, trattato di linguistica, romanzo di formazione sugli anni Settanta con una qualità di scrittura notevole, dove dolore, gioi...
Leggi

Renato Minore - Il Messaggero

Il racconto di Giartosio nasce con sapiente naturalezza dentro la lingua che va vivisezionando.
Leggi

Rai Cultura

Tommaso Giartosio racconta Autobiogrammatica.
Leggi

Giorgio Zanchini - Quante Storie - Rai 3

Quante parole esistono per dire famiglia?
Ne ha parlato Tommaso Giartosio partendo dal suo libro Autobiogrammatica.
Leggi

Alessandro Zaccuri - Avvenire

Un grande libro sulla scrittura, intensa come processo fisico prima ancora che come strumento espressivo, che approda al riconoscimento finale di sé
Leggi

Luca Mastrantonio - 7Corriere

Intervista a Tommaso Giartosio.
Leggi

Matteo Moca - Il foglio

Esiste una tensione continua, che dalla nascita mai si interrompe, tra lingua privata, con il suo bagaglio di parole e fonemi che si combinano tra loro, e la lingua collettiva a cui questa afferisce, ...
Leggi

Paolo Di Paolo - La lingua batte - Rai Radio 3

Tommaso Giartosio ospite di La lingua batte.
Leggi

Il Venerdì - La Repubblica

Giartosio srotola la sua vita attraverso il lessico.
Leggi

L'Indiscreto

Quinto nella sezione narrativa della Classifica di qualità febbraio 2024
Leggi

Claudio Bagnasco - Squadernauti

Un’opera proteiforme e vibrante, in cui si alternano episodi comici e drammatici, che appartengono sia alla dimensione privata sia a quella pubblica, politica, con una varietà di registri che l’autore...
Leggi

Nadeesha Uyangoda - Internazionale

La lingua come elemento più intimo e veritiero della propria esistenza.
Leggi

Ansa

Autobiogrammatica di Tommaso Giartosio candidato al Premio Strega da Emanuele Trevi.
Leggi

Alberto Casadei - Le parole e le cose

Cominciamo col dire che la scrittura di Autobiogrammatica di Tommaso Giartosio è una delle più eleganti e sicure nell’ambito della narrativa italiana del XXI secolo.
Leggi

Carlo Tortarolo - Satisfiction

L’Autobiogrammatica è un affascinante gioco di narrazione che esplora la vita come un percorso unico e condiviso, intrecciato con il linguaggio.
Leggi

Queerographies

La lingua madre e la lingua salvata.
Leggi

Il Libraio

Tra i libri da leggere nel 2024
Leggi