Registro di classe

Sandro Onofri muore nel 1999, a 44 anni. Nel suo computer la moglie ritrova un diario, incompiuto: è l’ultimo racconto della scuola pubblica del Novecento, e ha il sapore di un involontario testamento. A distanza di un secolo da Cuore di De Amicis, e alle soglie di un nuovo millennio e di una rivoluzione tecnologica, Onofri torna a chiedersi, con il suo stile asciutto e antiretorico, quale sia il modo più onesto per insegnare. È un uomo pieno di dubbi e di passione, ma ama il lavoro che ha scelto: «Esiste un mestiere più bello del mio?» Quello che gli interessa è l'autenticità, non la brillantezza. Non rimpiange niente, solleva domande e non si fa illusioni. Sa che «gli studi umanistici non umanizzano» e che, dove insegna, i libri non esistono: su settanta alunni, soltanto uno ha letto Pinocchio. Ma più di tutto detesta i condizionamenti delle famiglie e il vittimismo dei colleghi, l’omologazione dei loro alibi, l’incuria. La sua è la voce isolata di chi ha scelto di stare dalla parte degli studenti. Si sente affratellato ai ragazzi che lo respingono: ne riconosce il malessere, che è stato anche il suo. Vorrebbe salvaguardarne l’innocenza, proteggerne l’estro, che «non si dovrebbe mai scassinare», trovare con loro una lingua comune, tra incanto e noia. Perché per essere uguali bisogna possedere le parole, anche quelle scritte: è questo che tenta di dire ai suoi alunni, pur nel timore di trasmettergli la sua stessa «incapacità di adattamento alla realtà, una diserzione dal tempo, una sconfitta». Registro di classe è la sua ultima lezione, la più umana.

ISBN: 978-88-3389-024-1
Pagine: 108
Pubblicazione: gen 2019

13,00 € -15%
11,05 € 11.05 EUR

13,00 €

Acquista il cartaceo
ISBN: 9788833890319
Pubblicazione: gen 2019

6,99 € 6.99 EUR

6,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Le recensioni della stampa

Maria Novella De Luca - Robinson - la Repubblica

Sandro Onofri, in questo "diario scolastico" pubblicato postumo, dei suoi studenti difficili afferra la scintilla di vita.
Leggi

Prisma

Un libro scritto vent'anni fa, ma che sembra scritto oggi, in questi giorni confusi in cui la scuola pare aver perso la rotta.
Leggi

Alessandro Raveggi - Wired

Sandro Onofri, scrittore che dell’insegnamento aveva fatto la propria missione di scandagli dei confini più conflittuali della società.
Leggi

Gianna Fregonara - 7 - Corriere della Sera

Il diario intimo e rigoroso di un professore-scrittore che amava davvero i suoi studenti e il suo lavoro.
Leggi

Gaja Lombardi Cenciarelli - Il Dubbio

Sandro Onofri, scrittore, giornalista, poeta, avrebbe potuto scrivere un libro furbo, invece ha scritto un libro vero.
Leggi

Geraldine Meyer - L'Ottavo

Ci sono libri che, pur arrivando da due decenni addietro, anche per questo, aprono non poche crepe su ciò che si crede di sapere già.
Leggi

Valentina Pigmei - Esquire

Onofri è uno dei rari educatori-scrittori che che hanno uno sguardo speciale sui giovani.
Leggi

minima&moralia

Un assaggio da "Registro di classe" di Sandro Onofri.
Leggi

Gabriele Ottaviani - Convenzionali

Un ritratto vividissimo ed emozionante di un mondo e di un’età, l’adolescenza, che non si vede l’ora che finisca ma poi sovente si passa la vita a rimpiangere: assolutamente necessario.
Leggi

Maria Anna Patti - Robinson - la Repubblica

Commuove quel continuo mettersi in discussione, la paura di non trasmettere un senso di libertà che solo la cultura può cedere.
Leggi

Gaetano Panetta - The Bookmark

Una testimonianza altissima sul valore civile dell’educare.
Leggi

- Fahrenheit - Radio 3

Vanessa Roghi racconta "Registro di classe" di Sandro Onofri.
Listen