Spettri della mia vita

Scritti su depressione, hauntologia e futuri perduti

«Dopo l’exploit di Realismo capitalista, Mark Fisher si conferma con Spettri della mia vita il nostro più grande e fidato navigatore in questi tempi fuor di sesto, attraverso tutti i loro brividi e squarci, in mezzo a tutte le loro apparizioni e spettri, passati, presenti e futuri». Così scriveva perfettamente David Peace, all’uscita dell’edizione originale di questo libro.
Spettri della mia vita è l’opera ardita di un uomo nato sotto Saturno che affrontava ogni giorno i suoi fantasmi, è il racconto struggente di uno scrittore e critico geniale che sentiva la nostalgia del futuro. Intrecciando indissolubilmente pubblico e privato, coglie Mark Fisher nei suoi momenti più intimi e scoperti. La critica culturale sconfina in analisi esistenziale e cultura pop, «di massa», si incarna nel singolo, che vive nella sua concreta esperienza i fenomeni di cui scrive. Tra letture di Sebald e Peace, ascolti di Joy Division e Burial, visioni di Stalker e Inception, Fisher compone una mappa del sentimento individuale e collettivo.

Titolo originale: Ghosts of my life. Writings on Depression Hauntology and Lost Futures
Traduzione: Vincenzo Perna

ISBN: 978-88-3389-045-6
Pagine: 312
Pubblicazione: giu 2019

18,00 € -15%
15,30 € 15.3 EUR

18,00 €

Acquista il cartaceo
Titolo originale: Ghosts of my life. Writings on Depression Hauntology and Lost Futures
Traduzione: Vincenzo Perna

ISBN: 9788833891002
Pubblicazione: giu 2019

10,99 € 10.99 EUR

10,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Altri libri di Mark Fisher:

Le recensioni della stampa

Benedetto Vecchi - il manifesto

C'è dentro la nostalgia e nel rimpianto del passato un ambivalente rifiuto di darsi per vinti.
Leggi

Andrea Frateff-Gianni - Il Foglio

Il termine hauntologia utilizzato da Fisher descrive lo stato dell'arte che, perennemente alla ricerca di un futuro che non arriva mai, è afflitto da una sorta di malinconia.
Leggi

Alberto Piccinini - il Venerdì di Repubblica

Cinema, musica, comunismo e post-punk nei testi del filosofo inglese morto suicida.
Leggi

NOT

Spettri jungle: un estratto da "Spettri della mia vita" di Mark Fisher.
Leggi

Robinson - la Repubblica

Nella top ten dei libri consigliati dalla redazione di Robinson.
Leggi

Marco Tagliaferri - Treccani

Cruciale, nell’opera di Fisher, è la messa in discussione del soggetto, del sistema che ne ratifica l’unità.
Leggi

Leonardo Merlini - Askanews

La profondità contemporanea del pensiero di Fisher, che ha la lucidità, tipica dei precursori, di decodificare in anticipo le tendenze e i fenomeni culturali.
Leggi

Gianluca Catalfamo - Il Libraio

Fisher ha speso enormi quantità di inchiostro a indagare le cause impersonali, e quindi politiche e culturali della malattia mentale.
Leggi

La Lettura

Memorie personali, cultura pop, filosofia.
Leggi

Hamilton Santià - Linkiesta

Fisher spiega perché non siamo in grado di pensare al futuro.
Leggi

Daniele Ferriero - Rumore

L'autore de-scrive il contemporaneo e mette in luce i futuri spettrali: infestati, perduti e ormai implausibili, quando non del tutto impossibili.
Leggi

Stefano I. Bianchi - Blow Up

Le sue analisi erano criticamente e letterariamente intriganti.
Leggi

Alessandro Vergari - Gli Amanti dei Libri

Leggere Fisher è meravigliosamente straziante. 
Leggi

Fabio Domenico Palumbo - Fata Morgana

Il carnevale dell’immaginario postmoderno, dalle serie tv ai meme sugli anni ottanta, giova solo all’industria del consumo culturale o c’è spazio per immaginare qualcos’altro?
Leggi

Edoardo Vitale - Rolling Stone

Mark Fisher racconta i New Order e i Joy Division.
Leggi

Edoardo Vitale - Rolling Stone

Mark Fisher racconta i New Order e i Joy Division.
Leggi

- Radio Raheem

Leonardo Merlini racconta "Spettri della mia vita" di Mark Fisher.
Listen