Registro di classe

Sandro Onofri muore nel 1999, a 44 anni. Nel suo computer la moglie ritrova un diario, incompiuto: è l’ultimo racconto della scuola pubblica del Novecento, e ha il sapore di un involontario testamento. A distanza di un secolo da Cuore di De Amicis, e alle soglie di un nuovo millennio e di una rivoluzione tecnologica, Onofri torna a chiedersi, con il suo stile asciutto e antiretorico, quale sia il modo più onesto per insegnare. È un uomo pieno di dubbi e di passione, ma ama il lavoro che ha scelto: «Esiste un mestiere più bello del mio?» Quello che gli interessa è l'autenticità, non la brillantezza. Non rimpiange niente, solleva domande e non si fa illusioni. Sa che «gli studi umanistici non umanizzano» e che, dove insegna, i libri non esistono: su settanta alunni, soltanto uno ha letto Pinocchio. Ma più di tutto detesta i condizionamenti delle famiglie e il vittimismo dei colleghi, l’omologazione dei loro alibi, l’incuria. La sua è la voce isolata di chi ha scelto di stare dalla parte degli studenti. Si sente affratellato ai ragazzi che lo respingono: ne riconosce il malessere, che è stato anche il suo. Vorrebbe salvaguardarne l’innocenza, proteggerne l’estro, che «non si dovrebbe mai scassinare», trovare con loro una lingua comune, tra incanto e noia. Perché per essere uguali bisogna possedere le parole, anche quelle scritte: è questo che tenta di dire ai suoi alunni, pur nel timore di trasmettergli la sua stessa «incapacità di adattamento alla realtà, una diserzione dal tempo, una sconfitta». Registro di classe è la sua ultima lezione, la più umana.

ISBN: 978-88-3389-024-1
Pagine: 108
Pubblicazione: gen 2019

13,00 € -15%
11,05 € 11.05 EUR

13,00 €

Acquista il cartaceo
ISBN: 9788833890319
Pubblicazione: gen 2019

6,99 € 6.99 EUR

6,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Le recensioni della stampa

Maria Novella De Luca - Robinson - la Repubblica

Sandro Onofri, in questo "diario scolastico" pubblicato postumo, dei suoi studenti difficili afferra la scintilla di vita.
Leggi

Gianna Fregonara - 7 - Corriere della Sera

Il diario intimo e rigoroso di un professore-scrittore che amava davvero i suoi studenti e il suo lavoro.
Leggi

Gaja Lombardi Cenciarelli - Il Dubbio

Sandro Onofri, scrittore, giornalista, poeta, avrebbe potuto scrivere un libro furbo, invece ha scritto un libro vero.
Leggi

Geraldine Meyer - L'Ottavo

Ci sono libri che, pur arrivando da due decenni addietro, anche per questo, aprono non poche crepe su ciò che si crede di sapere già.
Leggi

Valentina Pigmei - Esquire

Onofri è uno dei rari educatori-scrittori che che hanno uno sguardo speciale sui giovani.
Leggi

minima&moralia

Un assaggio da "Registro di classe" di Sandro Onofri.
Leggi

Gabriele Ottaviani - Convenzionali

Un ritratto vividissimo ed emozionante di un mondo e di un’età, l’adolescenza, che non si vede l’ora che finisca ma poi sovente si passa la vita a rimpiangere: assolutamente necessario.
Leggi

Maria Anna Patti - Robinson - la Repubblica

Commuove quel continuo mettersi in discussione, la paura di non trasmettere un senso di libertà che solo la cultura può cedere.
Leggi

Gaetano Panetta - The Bookmark

Una testimonianza altissima sul valore civile dell’educare.
Leggi

- Fahrenheit - Radio 3

Vanessa Roghi racconta "Registro di classe" di Sandro Onofri.
Listen