Cronache dalle terre di Scarciafratta

Scarciafratta è una Macondo d'Abruzzo. Inerpicata tra i crinali dell'Appennino, è un teatro di fantasmi e di visioni. Un terribile terremoto, la Cosa Brutta, l'ha svuotata. Le case sono ridotte a pietre che rotolano e si sfarinano, ma continuano a parlare. 

Sulla Rocca resiste per anni soltanto un uomo, Mengo, seduto su un uscio sotto un cencio di luna insieme a Sciambricò, un cane pastore di quindici anni dagli occhi chiari. Scavando tra le macerie della scuola ha trovato i quaderni dei bambini, e anche un registro dell'Ufficio anagrafe che un impiegato «sfastognato di timbri a bollo tondo e di certificati» aveva riempito di nomi, date, nascite, morti e sposalizi, di tutte le storie perdute del paese. Alla fine della sua vita, per «ridare voce a quelli sommersi dalla morte», Mengo le trascriverà una per una, a Villa Adriatica, la casa di riposo dove viene ricoverato. Fino all'alba del 21 luglio 1969, quando Neil Armstrong e Edwin Aldrin sbarcano sulla luna, e lui termina di scrivere l'ultima lettera.  

Proseguendo lungo il sentiero inaugurato da Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio, in questo romanzo corale Remo Rapino continua a raccontarci tra risa e lacrime l'epopea degli ultimi, degli «spasulati» e dei folli della sua regione, e a restituire la dignità di un nome a chi è stato derubato anche della memoria

ISBN: 978-88-3389-305-1
Pagine: 191
Pubblicazione: ott 2021

17,00 € -5%
16,15 € 16.15 EUR

17,00 €

ACQUISTA
ISBN: 9788833893341
Pagine: 191
Pubblicazione: ott 2021

8,99 € 8.99 EUR

8,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Le recensioni della stampa

Alberto Riva - il Venerdì - La Repubblica

I cafoni di Rapino sono singoli individui, psicologie osservate da vicino, scrutate nella devianza di una condizione di smottamento psichico, geografico e persino geologico.
Leggi

Giacomo Tinelli - Alias- il Manifesto

Nelle Cronache è una coralità di voci a raccontare le vicende paesane più insignificanti (le rivalità o i sodalizi personali, gli amori felici o infelici, le partenze e gli arrivi) che tuttavia sono l...
Leggi

Ermanno Paccagini - Nuova Antologia

Un racconto di struggente tenerezza, nel quale l'impatto linguistico suona più tenue e meno storpiante che nel precedente, proprio perché poggiante più sull'immagine che sulla pronuncia.
Leggi

Giulia Calligaro - Io Donna - Corriere della Sera

Un libro che tiene caldo, che rende umani
Leggi

Ermanno Paccagnini - la Lettura - Corriere della Sera

Ci si muove sempre un'umanità emarginata ed eccentrica, dai comportamenti stravaganti spesso assegnati alla follia, a partire proprio dalla figura centrale di Ruscitti Domenico Giuseppe detto Mengo
Leggi

Letteratitudine

Remo Rapino racconta il suo romanzo «Cronache dalle terre di Scarciafratta» per gli Autoracconti d’Autore
Leggi

Manuel Graziani - Rumore

Quegli abruzzesi forti come muli e matti come cavalli, amari come la genziana e gentili come una folata di vento tiepido
Leggi

Stefano Redaelli - minima&moralia

Ogni volta che un poeta si mette in ascolto, varca la soglia di una clinica, guarda la luna piena, squallida e veritiera, la follia torna a parlare. E siamo un po’ più inquieti, un po’ più beati. Siam...
Leggi

Fabio Dell'Armi - Mangialibri

Intervista a Remo Rapino: «Amo scoprire linguaggi nuovi, al di là delle storie. La scrittura rivela mondi incredibili: un libro è, prima di ogni altra cosa, un essere vivente»
Leggi

Fabio Dell'Armi - Mangialibri

È pane buono quello di Rapino. È vino vero, vivo. È cibo condiviso. È musica. E che bella musica: quella di una banda di orfani.
Leggi

Anna Brandiferro - Certastampa

Intervista a Remo Rapino: «I primi passi di un viaggio sono dettati, per quanto mi riguarda, dalla ragione e dal cuore: dar voce agli ultimi della fila, a chi vive ai margini, per ricordare a tutti il...
Leggi

Manuela Baldi - gialloecucina

Quanta grazia nel racconto di Remo Rapino.
Leggi

Paolo Perlini - CrunchEd

È una lettura personale che talvolta richiede un passo indietro oppure una pausa. E poi ti invita a cercare la tua Scarciafratta: sta lì, appena fuori la tua città.
Leggi

Gianni Usai - Squadernauti

Remo Rapino, nel suo nuovo romanzo, prosegue il percorso di ricerca linguistica e antropologica che già con "Vita morte e miracoli di Bonfiglio Liborio" aveva portato a fortunati esiti struggenti.
Leggi

Michele Berretta - Rock'n'Read

Bisogna avviare una rivoluzione minima, gentile: tornare ad ascoltare le voci, anche le più lontane. Sono le nostre radici. Che ci ricordano chi siamo, e da dove veniamo.
Leggi

Noemi De Luca - Mar dei Sargassi

Attraverso gli occhi malinconici e incantati di Mengo, Remo Rapino ha scelto di raccontare quel sacrario italico che sono gli Appennini: un rosario di borghi sospesi tra nuvole e rocce, crinali e vall...
Leggi

Convenzionali

Remo Rapino è la più squillante, oltre che unica voce possibile per chi voce non ha avuto mai.
Leggi