Nina sull'argine

Finalista alla LXXVI edizione del Premio Strega

Libro del mese di marzo a Fahrenheit Rai Radio 3

Finalista al Premio Letterario Nazionale Clara Sereni

Finalista al Premio Letteratura d'impresa 2022

Finalista al Premio Dolores Prato

Candidato Premio The Bridge Sezione Italiana- Narrativa 2022

Finalista del Premio Città di Leonforte


Caterina è al suo primo incarico importante: ingegnere responsabile dei lavori per la costruzione dell'argine di Spina, piccolo insediamento dell'alta pianura padana. Giovane, in un ambiente di soli uomini, si confronta con difficoltà di ogni sorta: ostacoli tecnici, proteste degli ambientalisti, responsabilità per la sicurezza degli operai. Giorno dopo giorno, tutto diventa cantiere: la sua vita sentimentale, il rapporto con la Sicilia terra d'origine, il suo ruolo all'interno dell'ufficio

A volte si sente svanire nella nebbia, come se anche il tempo diventasse scivoloso e non si potesse opporre nulla alla forza del fiume in piena. Alla ricerca di un posto dove stare, la prima ad avere bisogno di un argine è lei stessa. È tentata di abbandonare, dorme poco e male. Ma, piano piano, l'anonima umanità che la circonda - geometri, assessori, gruisti, vedove di operai - acquista un volto. Così l'argine viene realizzato, in un movimento continuo di stagioni e paesaggi, fino al giorno del collaudo, quando Caterina, dopo una notte in cui fa i conti con tutti i suoi fantasmi, si congeda da quel mondo. 

Con una lingua modellata sull'esperienza, Veronica Galletta ha scritto un apologo sulla vulnerabilità che si inserisce in un'ampia tradizione di letteratura sul lavoro, declinandola in maniera personale.


ISBN: 978-88-3389-287-0
Pagine: 216
Pubblicazione: ott 2021

16,00 € -5%
15,20 € 15.2 EUR

16,00 €

ACQUISTA
ISBN: 9788833893181
Pubblicazione: ott 2021

8,99 € 8.99 EUR

8,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Prossimo evento

27 set
Veronica Galletta a Fiesole
H 18:30
Fiesole
Teatro Romano

Le recensioni della stampa

minima&moralia

Conversazione tra Veronica Galletta e Michele Vaccari
Leggi

Francesca Massarenti - il Tascabile

Il paesaggio geolocalizzato e insieme capriccioso di Nina sull’argine può ricordare altre operazioni di trasfigurazioni del reale in letteratura.
Leggi

Alessandro Mantovani - Il Foglio

Galletta costruisce un romanzo di formazione assolutamente disincantato, scansando ogni possibile cliché e strutturando una narrazione ambivalente, continuamente impostata da un'angolazione nebbiosa, ...
Leggi

Giuseppe Lorenti - il venerdì - la Repubblica

Con una storia che richiama la tradizione del realismo magico, tra personaggi che si muovono tra mondo dei vivi e mondo dei morti in un continuo alternarsi di presenze reali e fantasmi, Veronica Galle...
Leggi

Brunella Schisa - Il Venerdì - La Repubblica

La letteratura, per come la sento io, è territorio privilegiato di fantasmi, che danno voce alle nostre fragilità e alle nostre paure. Per Caterina le visioni nascono dalla difficoltà di tenere insiem...
Leggi

Frida Zampelli - Rai News - TGR Toscana

Intervista a Veronica Galletta: «Io la volevo sola, completamente sola all'inizio. In un luogo che non conosce fisicamente, che è lontano dalla casa in cui vive. Che non è comunque nemmeno la sua vera...
Leggi

Federica Velonà - Rai Cultura

Speciale Premio Strega 2022: Intervista a Veronica Galletta
Leggi

Graziano Graziani - Fahrenheit Rai Radio 3

Argini e acqua, potere e burocrazia, autorità e sentimenti, elementi di una storia che ci racconta il nostro paese da un punto di vista non molto esplorato, un romanzo interessante scritto con una for...
Leggi

Letizia Bognanni - Rumore

Una protagonista che porta con sé il lettore a immergersi nelle nebbie e poi a riemergerne.
Leggi

Laura Piccinini - D - la Repubblica

E dall'autrice, che ha fatto studi scientifici ti aspetti soluzioni esatte. Per poi comprendere che inevitabilmente si cambia, lei stessa è tirata, deformata dagli eventi, come un modello teorico sott...
Leggi

Orazio Labbate - La Lettura

Una donna costretta a combattere contro sé stessa, contro la spietatezza delle responsabilità, contro i suoi obiettivi di una vita e contro la sua identità sentimentale dentro un lavoro lontano dalla ...
Leggi

Marta Cervino - Marie Claire

Una storia di vulnerabilità, lavoro e fantasmi da domare.
Leggi

Libertà

Metafora e lavoro si sovrappongono continuamente, ma con lievità, intrinsecamente anche se con momenti di coscienza, nel racconto del quotidiano.
Leggi

Alessandra Tedesco - Radio24

La dedizione e l'impegno che Caterina mette in questo lavoro sono anche un modo per superare un abbandono.
Leggi

Isabella Fava - Donna Moderna

Dal passato che ritorna sempre a un futuro tutto da costruire. Nina sull'argine tra i libri per chi cerca emozioni forti.
Leggi

Alfio Squillaci - Gli Stati Generali

Romanzo in cui il linguaggio tecnico di ingegneria idraulica civile acquista risonanze fiabesche, una malia linguistica che intontisce, stordisce e irretisce.
Leggi

Paolo Petroni - Ansa

Un romanzo particolare e raro nella nostra tradizione.
Leggi

Lucia Copparoni - Il Chiasmo - Treccani

Un romanzo “fluviale”: di matematiche e calcoli per domare un corso d’acqua che può causare danno, di fiumi di sentimenti, di flussi di vite sul letto del lavoro.
Leggi

Giovanni Locatelli - Squadernauti

Il lavoro, la solitudine e la natura, questo racconta Nina sull’argine, senza conclusioni che consolano, senza nuovi amori o promozioni e scatti di carriera, in un’atmosfera di attesa e fatalismo.
Leggi

Paola Gabrielli - Noialtre

Intervista a Veronica Galletta: «La scrittura me l’ha insegnata il cantiere, la campagna, il mare, i fiumi».
Leggi

Stefano Solventi - pensierosecondario

Veronica Galletta ha questo dono: rende magnetico quello che si annoda e si scioglie dentro a personaggi impegnati a prendere coscienza di sé, ad acciuffare le redini, se possibile, della propria vita...
Leggi

Nunzio Bellassai - L'Indiependente

Intervista a Veronica Galletta: «L’argine è un’opera di difesa passiva, è qualcosa che viene costruito quando nessun altro tipo di difesa è possibile. Oggi siamo tutti più fragili, più instabili, è un...
Leggi

Monica Cartia - La Sicilia

Intervista a Veronica Galletta: «L'argine è inevitabile. E una metafora. Ho sempre saputo che l'ingegneria idraulica aveva un potere metaforico enorme e ho sempre desiderato riuscire a raccontarla anc...
Leggi

Alessandro Mezzena Lona - Arcane Storie

Costruito con assoluta sapienza tecnica e padronanza di un mestiere governato da regole precise, mai a rischio di scivolare dentro il baratro di uno sterile sfoggio di termini e dinamiche lavorative s...
Leggi

Elisabetta Bolondi - SoloLibri.net

Nina sull’argine è un romanzo che parla di morti sul lavoro, delle condizioni in cui nei cantieri malgrado la serietà delle procedure l’incidente è sempre possibile, tra gruisti esperti e maestranze r...
Leggi

Appunti di carta

È uno di quei libri che sarà bello rileggere, a distanza di tempo e a dispetto del tempo, perché invecchierà bene. Per recuperare i dettagli, cercarne di nuovi – quelle piccole dimenticanze figlie di ...
Leggi

Lucia Antista - Artslife

È una storia di personale resistenza, dove gli umori e il tempo si fondono, il privato e il pubblico si intersecano, c’è la rabbia e l’amarezza.
Leggi

Federica Velonà - Rai Cultura

All'interno dello speciale Premio Strega 2022, Federica Velonà di Rai Cultura intervista Veronica Galletta in dozzina con «Nina sull'argine».
Leggi

Claudia Bisio - ZetaLuiss

Il cantiere di cui è responsabile, la creazione di un argine su un fiume situato nella pianura padana, la mette di fronte a fantasmi del passato e presente, Caterina che rimane e Caterina che scappa, ...
Leggi

Giovanni Pacchiano - Gazzetta di Parma

Che bella sorpresa il ritorno a una letteratura sul lavoro, come se fossimo ai tempi di Paolo Volponi.
Leggi

Gino Ruozzi - Domenica - Il Sole 24 ore

Cantiere gravoso, reale e metaforico.
Leggi

Carlo Martello - Malgrado le mosche

La terza persona scelta da Galletta, e questo si avverte percettivamente di continuo, fino alla fine del romanzo, è uno schermo, uno specchio, un doppio.
Leggi

Emiliano Sbaraglia - Collettiva

Nella costruzione del romanzo, ricamata con abilità letteraria dall’autrice, trova posto anche Antonio, personaggio visibile solo nell’ombra e nella solitudine, operaio di lunga esperienza che nell’ec...
Leggi

Anna Maria Patti - Casa Lettori

Il dualismo tra forza e paura la rende umana e permette all’autrice di sviluppare un percorso introspettivo brillante.
Leggi

Laura Mollea - L'Indice dei Libri del Mese

La scrittura di Veronica Galletta è agile e asciutta, affidandosi sovente al discorso diretto libero, ma comunque capace di creare dimensioni liriche quando si sofferma sul paesaggio. È anche una scri...
Leggi

Blockmianotes

È un romanzo che non grida, che narra sottovoce fatiche e smarrimento. E responsabilità.
Leggi

Chiara Bianchi - CrunchEd

Due mondi, quello del lavoro e quello della vita, collidono e si sovrappongono. In mezzo c’è Caterina carica di belle speranze, tradita dalla realtà, salda nella sua solitudine.
Leggi

Santo Piazzese - Cooperazione

«La Sicilia è un fantasma che non ti abbandona mai»- intervista a Veronica Galletta.
Leggi

Flavia Fedele - Mar dei Sargassi

Intervista a Veronica Galletta: «È un romanzo sul dubbio. Un cantiere è costruzione e distruzione allo stesso tempo».
Leggi

Convenzionali

Un testo con una lingua brillante e avvolgente.
Leggi

I Libri degli altri

«Nina sull'argine» di Veronica Galletta nella sua lista di oggetti narrativi da leggere, guardare e ascoltare di ILDA.
Leggi

Livia Del Gaudio - In allarmata radura

Dove passa l’acqua poi ci torna, pensa Caterina ricordando un vecchio proverbio. E questo è vero per il fiume ma è vero anche per lei. Lavorare sul fiume significa lavorare per consolidare i propri ar...
Leggi

Piero Dorfles - SenzaFiltro

È un libro di atmosfere, di sentimenti contrastanti, di ambienti ostili
Leggi

Emanuela Chiriacò - Lecceprima

Intervista a Veronica Galletta: «Nina sull’argine è un libro fatto di soglie, di porte, di passaggi».
Leggi

Giuditta Casale - Giuditta Legge

Intervista a Veronica Galletta: «Volevo da una parte una lingua tecnica che descrivesse il cantiere, e dall’altra una lingua rotta, colloquiale, sporca, quasi un antilingua, per i dialoghi del quotidi...
Leggi

Agnese Caddeo - Marvin rivista

La lingua del romanzo è asciutta, montata sulla salda impalcatura del gergo tecnico. Descrive argini, prove tecniche, assestamenti, con un’aderenza al paesaggio che segue il ciclo delle stagioni. È de...
Leggi

Alessandra Chiappori - Lucia Libri

Un riuscito romanzo sul lavoro: un’inedita versione al femminile del passaggio non sempre lineare e sereno che accompagna le insicurezze personali verso la presa salda, a volte artificiale ma necessar...
Leggi

Alberto Paolo Palumbo - Magma Magazine

Nina sull’argine è un ritratto lucido e spietato di una realtà dove per sopravvivere bisogna sacrificare ogni valore, sentimento e ideale. Quella di Nina è la storia di chi trova difficile prendere de...
Leggi

Marta Occhipinti - La Repubblica_ Palermo

Tra le nuove uscite autunnali made in Sicilia anche «Nina sull'argine» di Veronica Galletta.
Leggi

Rebecca Molea - Rivista Blam

Leggere Nina sull’argine è come avere una lente d’ingrandimento su quello che ci rende umani: le sviste, i cambi di rotta, i vicoli ciechi, le sbavature e le ripartenze.
Leggi