Libia anno zero

Cronache da un paese che esplode

Cosa sta accadendo in Libia? Una rivoluzione democratica sorella di quelle tunisina e egiziana? Oppure una guerra imperialista che maschera con l’ipocrisia dei diritti umani gli interessi per il petrolio? Oppure ancora un conflitto fra etnie diverse sul modello balcanico? Mentre gli opinionisti di mezzo mondo discettano sull’opportunità o meno dell’intervento dell’Onu, mentre i nostri politici gridano all’emergenza evocando un’invasione biblica di migranti, un giornalista esperto di Maghreb come Stefano Liberti decide, come al solito, di fidarsi dei suoi occhi: e per capire l’insurrezione degli shabab – i giovani che hanno detto “basta” al regime quarantennale di Gheddafi – vola a Bengasi e racconta in presa diretta un mese di guerra. Non troverà delle risposte, ma riconoscerà ancora una volta la necessità di essere sul posto per conoscere le storie degli uomini che fanno la storia. In Libia anno zero troverete il diario di un inviato al fronte di una guerra che non si dice tale: nelle sue corrispondenze riconoscerete una voce che cambia ogni giorno, riverberando l’eco di quello che accade intorno. Ci sono le truppe lealiste che avanzano, le bombe francesi che cominciano a cadere, una società civile che con grande fatica sta nascendo. E noi, come lui, non sappiamo come andrà a finire.

ISBN: 9788875213152

3,99 € 3.99 EUR

3,99 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Le recensioni della stampa

Elisabetta Povoledo - The New York Times

Stefano Liberti sul New York Times.
Leggi

Camilla Bernacchioni - Left

Un mare di diritti negati.
Leggi

Gian Antonio Stella - Corriere della Sera.it

«Mare chiuso», il documentario girato da Stefano Liberti e Andrea Segre, racconta la storia di un gruppo di profughi, in gran parte eritrei e cristiani, in fuga dalla guerra che da troppo tempo si qui...
Leggi

Federica Rondino - Cultumedia

Un testo da avere per non schermarsi gli occhi quando le notizie dai fronti arrivano all'udito.
Leggi