I signori del cibo

Viaggio nell'industria alimentare che sta distruggendo il pianeta

Secondo previsioni dell’Onu, nel 2050 saremo 9 miliardi di persone sulla Terra. Come ci sfameremo, se le risorse sono sempre più scarse e gli abitanti di paesi iperpopolati come la Cina stanno repentinamente cambiando abitudini alimentari? La finanza globale, insieme alle multinazionali del cibo, ha fiutato l’affare: l’overpopulation business.
Dopo A Sud di Lampedusa e il successo internazionale di Land grabbing, Stefano Liberti ci presenta un reportage importante che segue la filiera di quattro prodotti alimentari – la carne di maiale, la soia, il tonno in scatola e il pomodoro concentrato – per osservare cosa accade in un settore divorato dall’aggressività della finanza che ha deciso di trasformare il pianeta in un gigantesco pasto.
Un’indagine globale durata due anni, dall’Amazzonia brasiliana dove le sconfinate monoculture di soia stanno distruggendo la più grande fabbrica di biodiversità della Terra ai mega-pescherecci che setacciano e saccheggiano gli oceani per garantire scatolette di tonno sempre più economiche, dagli allevamenti industriali di suini negli Stati Uniti a un futuristico mattatoio cinese, fino alle campagne della Puglia, dove i lavoratori ghanesi raccolgono i pomodori che prima coltivavano nelle loro terre in Africa.
Un’inchiesta che fa luce sui giochi di potere che regolano il mercato del cibo, dominato da pochi colossali attori sempre più intenzionati a controllare ciò che mangiamo e a macinare profitti monumentali. 

Questa inchiesta è stata realizzata grazie al sostegno di Fondazione Charlemagne Onlus e Coop

ISBN: 978-88-7521-744-0
Pagine: 327
Pubblicazione: set 2016

19,00 € -15%
16,15 € 16.15 EUR

19,00 €

Acquista
ISBN: 978-88-7521-744-0
Pubblicazione: set 2016

9,99 € 9.99 EUR

9,99 €

Acquista

Extra

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Le recensioni della stampa

Marino Niola - Il Venerdì di Repubblica

Oggi mangiamo pomodori cinesi trasformati in Africa con etichette apparentemente italiane, tonni pescati in Senegal e lavorati in Spagna, maiali allevati in America e venduti dai cinesi. Un pasticciaccio brutto sul quale questo libro aiuta a fare luce. Per non essere compratori passivi ma consumatori critici.
Leggi

Maurizio Sentieri - Doppiozero

Una descrizione accurata dei processi attraverso i quali quel cibo arriva sulle nostre tavole, di come sia, innanzitutto e prima di tutto, semplicemente merce e – qui sta la novità – come questa merce nell'epoca della globalizzazione sia diventata anche elemento della finanza con tutte le relative conseguenze, che sono nel contempo alimentari ed extra alimentari.
Leggi

- Robinson - la Repubblica

Questione di etichetta: Stefano Liberti racconta cosa si nasconde dietro le etichette dei cibi che scegliamo.
Leggi

- Dipiù

Una grande inchiesta.
Leggi

Giuseppe Mastruzzo - Indice dei Libri

Nel suo viaggio Liberti ci parla anche di chi resiste al disastro, di note di speranza nel futuro.
Leggi

Natalia Milazzo - Altroconsumo

Racconto preciso e appassionante.
Leggi

Raffaella Galluzzi - Mangialibri

Un lungo viaggio nell’industria alimentare quello che c’è dietro all’interessante saggio di Stefano Liberti; lettura indispensabile per capire quello che – al di là delle pubblicità accattivanti e delle etichette spesso non esaustive – portiamo ogni giorno sulle nostre tavole.
Leggi

Stefania Parmeggiani - la Repubblica

Non si tratta di manovre che passano al di sopra della nostra testa, ma di qualcosa che ci riguarda da vicino, che interessa quello che mettiamo nel carrello della spesa e portiamo sulle nostre tavole.
Leggi

Tommaso Perrone - Lifegate

Come i signori del cibo stanno affamando la terra: intervista Stefano Liberti.
Leggi

- The Post Internazionale

Tra i 10 migliori libri del 2016: Non solo una lettura interessante ma anche un vero e proprio reportage d'importanza giornalistica.
Leggi

Michele Serra - Il Venerdì di Repubblica

Eccellente libro.
Leggi

Orlando Trinchi - EastOnline

Distorsioni e paradossi della nuova industria alimentare. Intervista a Stefano Liberti.
Leggi

Maddalena Di lolla Defiorian - Trentino

Ecco chi sono i signori del cibo: intervista a Stefano Liberti.
Leggi

Alberto Capatti - Alfabeta 2

Il reportage di Stefano Liberti è minuzioso e sorprende.
Leggi

Angelo Mastandrea - il manifesto

Uno spaccato del neoliberismo globalizzato, sempre più finanziarizzato e concentrato nelle mani di pochi.
Leggi

Giorgio Zanchini - Pagina 99

Tutto il libro provoca stupore, indignazione, smarrimento. E consapevolezza di quanto poco sappiamo delle grandi trasformazioni dell'industria agroalimentare.
Leggi

Giuliano Milani - Internazionale

Difficilmente un libro chiarisce in modo altrettanto evidente, con immagini efficaci, quanto i processi che chiamiamo globalizzazione passino attraverso ciò che facciamo ogni giorno, più volte al giorno, semplicemente mettendoci a tavola.
Leggi

- La Stampa

Consumare tutto e fuggire via. Signori del cibo, le nuove locuste: Stefano Liberti racconta come nasce l'inchiesta.
Leggi

- Internazionale

Consigliato dalla redazione di Internazionale.
Leggi

Clara Capelli - Q Code Mag

I signori del cibo: intervista a Stefano Liberti.
Leggi

Stefano Trasatti - Redattore Sociale

Non sorprende che le presentazioni del libro che Liberti sta facendo in tutta Italia vedano platee, anche di giovani, attentissime e sensibili. Ci si rende conto, infatti, che il cibo è forse l’argomento migliore per far comprendere a tutti - perché tutti mangiamo - come funzionano le società, la politica (che emerge ancora una volta sconfitta) e la finanza internazionale.
Leggi

- QuiFinanza

Un’illuminante inchiesta su come il business dell’alimentazione, oltre a danneggiare ognuno di noi singolarmente, stia compromettendo le sorti del pianeta.
Leggi

Silvana Mazzocchi - Repubblica.it

Stefano Liberti offre un'inchiesta illuminante sui tempi in cui viviamo e su un'industria alimentare talmente avida di profitti, da distruggere progressivamente il mondo che conosciamo.
Leggi

Paolo Risi - Zest Letteratura Sostenibile

L’autore de “I signori del cibo” entra nel vivo del problema, intervistando, viaggiando e andando a visitare alcune roccaforti dell’industria alimentare, strutture che prosperano al di là di ogni principio di sostenibilità. L’osservazione dei meccanismi della filiera è accurata, ineccepibile.
Leggi

Federico Rampini - Il Venerdì di Repubblica

Eccellente libro-inchiesta. Liberti va nei luoghi di cui parla, ce li descrive, racconta i protagonisti e le vittime di "una inedita alleanza tra grandi gruppi alimentari e fondi finanziari".
Leggi

Goffredo Fofi - Avvenire

Qualche inchiesta utile la si trova ancora, e questa lo è.
Leggi

- Cooperazione tra consumatori

Cibo, diritti umani, culture e salute: Stefano Liberti a Trento.
Leggi

- SapereFood

Uno straordinario successo editoriale: Stefano Liberti presenta "I signori del cibo" a Spoleto.
Leggi

- Affaritaliani

Stefano Liberti è al momento il più “americano” dei nostri giornalisti.
Leggi

- Vita Trentina

La finanza nel piatto.
Leggi

- Touring

Liberti conduce un eccellente lavoro di inchiesta per far luce sul nostro cibo.
Leggi

Domenico Perrotta - il Mulino

"I signori del cibo" è documentato, rigoroso e piacevole da leggere. Si basa su un lavoro di anni, su un gran numero di interviste e visite a stabilimenti e piantagioni e utilizza molte ricerche accademiche. Fa nomi e cognomi.
Leggi

- l'Adige

Stefano Liberti ha viaggiato per due anni intorno al mondo per seguire la filiera di quattro alimenti.
Leggi

- Internazionale

Un'inchiesta globale che segue la filiera di quattro prodotti alimentari per capire come funziona il mercato del cibo nel mondo.
Leggi

- Consumatrici.it

Come l’agroindustria distrugge il pianeta: Stefano Liberti a Bologna.
Leggi

Lorenzo Guadagnucci - Il piacere della lettura - QN Quotidiano Nazionale

Il rolo delle “aziende locusta” (il loro passaggio è più che distruttivo) e un sistema alimentare dominato dalla finanza e ormai mostruoso.
Leggi

- 2000battute

È un bel saggio questo I signori del cibo, l’opposto dell’orrenda letteratura sul cibo che è sorta negli ultimi anni, prodotto di un lavoro notevole di raccolta di dati, interviste e analisi, offre molte informazioni senza strillare né soffiare sul fuoco del sensazionalismo.
Leggi

- Vita Trentina

I voraci signori del cibo: incontro con Stefano Liberti.
Leggi

- Corriere del Trentino

«Tutti nello stesso piatto»: Stefano Liberti a Trento.
Leggi

Alessandro Leogrande - Corriere del Mezzogiorno

Stefano Liberti racconta il mercato mondiale del concentrato di pomodoro.
Leggi

Barbara Molinario - Fashion News Magazine

Un’inchiesta che fa luce sui giochi di potere che regolano il mercato del cibo, dominato da pochi colossali attori sempre più intenzionati a controllare ciò che mangiamo.
Leggi

Matteo Bianchi - la Nuova Ferrara

Pagine che si salvano dall’attualità, ecco i libri.
Leggi

- La Nazione - Umbria

Stefano Liberti ospite del festival CaLibro di Città di Castello.
Leggi

Alessandro Scandale - Associazioni Vicentine

Un importante reportage durato due anni seguendo la filiera di quattro prodotti alimentari.
Leggi