Surrealisti ed espatriati

La Parigi letteraria degli anni Venti

Dopo gli studi universitari e la frequentazione della bohème del Greenwich Village, oppresso dal provincialismo del suo paese, Matthew Josephson fugge in Europa e inizia un lungo sodalizio con i surrealisti e le altre avanguardie. I «ruggenti anni Venti» a Parigi sono i veri protagonisti del libro: l’emigrazione letteraria nordamericana, la febbre dei fondatori di riviste, i dibattiti tra scrittori che diventano comizi, quella che Gertrude Stein battezza come la «generazione perduta».

Campeggiano sulla scena Tristan Tzara, Louis Aragon, André Breton, mentre James Joyce sta emergendo ed Ezra Pound sorveglia gli esordi di T.S. Eliot ed Ernest Hemingway.

Attore e spettatore di quegli anni, Matthew Josephson rievoca la cronaca, il pittoresco, ma anche la sostanza, di un’avanguardia che ha posto le premesse, ancora attive, di tanta arte d’oggi.


«C’erano tutti: T.S. Eliot, Ernest Hemingway, E.E. Cummings, Paul Éluard, Jean Cocteau, Ezra Pound, Charlie Chaplin, André Breton,Giorgio de Chirico... Josephson fa risorgere il decennio più irriverente e inimitabile del ventesimo secolo». Kirkus Review

Titolo originale: Life Among the Surrealists
Traduzione: Matilde Boffito Serra

ISBN: 978-88-3389-509-3
Pagine: 500
Pubblicazione: feb 2024

16,00 € -5%
15,20 € 15.2 EUR

16,00 €

ACQUISTA
Titolo originale: Life Among the Surrealists
Traduzione: Matilde Boffito Serra

ISBN: 9788833895635
Pagine: 500
Pubblicazione: feb 2024

9,99 € 9.99 EUR

9,99 €

Acquista l'ebook

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF