Strange Things Happened

La mia vita con i Police, il polo e i pigmei

Stewart Copeland è stato il batterista del trio rock più amato degli anni Ottanta, i Police. Insieme a Sting e Andy Summers, in pochi anni ha conquistato un successo planetario: cinquanta milioni di dischi venduti, decine di primi posti in hit parade e migliaia di concerti che hanno fatto registrare il tutto esaurito nelle arene di cinque continenti.
Ma dopo lo scioglimento del trio, nel 1984, la carriera di Copeland si è tutt’altro che fermata. Guidata da una curiosità sfrenata e da un talento eclettico, si è concessa brillanti escursioni in ambienti tra i più disparati: queste pagine raccontano, tra le altre, le esperienze di Copeland con l’opera, con la scrittura di colonne sonore per Hollywood, con l’ormai celebre Notte della Taranta salentina, e si concludono con l’emozionante diario del grandioso reunion tour che fra il 2007 e il 2008 ha visto i Police di nuovo insieme, a oltre vent’anni di distanza.
Sullo sfondo di questa straordinaria carriera musicale, una vita personale ricca di esperienze insolite - dalla sua infanzia in Libano, figlio di un agente della CIA sotto copertura, ai viaggi da documentarista tra i pigmei del Congo, passando per la grande passione per i cavalli e il polo. 
Il risultato è un’autobiografia unica nel suo genere, in cui i lettori troveranno sia il ritratto «dietro le quinte» di una strepitosa band sia il godibilissimo racconto di una vita d’artista fuori dal comune. 

L’uscita coincide con un mini-tour 
di Stewart Copeland in Italia, in cui l’autore presenterà il libro e suonerà affiancato da grandi musicisti italiani.

Traduzione: Michele Piumini

ISBN: 978-88-7521-327-5
Pagine: 377
Pubblicazione: mag 2011

17,50 € -15%
14,88 € 14.88 EUR

17,50 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Le recensioni della stampa

Angelita Palmigiano - Il Sole 24 Ore.com

Un'autobiografia che è un altro assolo di Copeland non sul palco ma nelle librerie.
Leggi

Gioia

La storia di chi non ha mai smesso di far musica.
Leggi

Silvia Bombino - Vanity Fair

Intervista a Stewart Copeland.
Leggi

Paolo Bianchi - Libero

Nella sua autobiografia, la storia di Copeland e del suo difficile rapporto con Sting.
Leggi

Pierpaolo De Lauro - Terra

Un decennio di rock al ritmo di Copeland.
Leggi

La Repubblica - Ed. Roma

Tutto il meglio dei Police a Roma.
Leggi

Luigina Dinnella - Conquiste del Lavoro

La vita oltre i Police.
Leggi

Pietro D'Ottavio - Trova Roma

La leggenda dei Police a Roma.
Leggi

Stewartcopeland.net

Stewart Copeland in Italia in occasione dell'uscita di "Strange things happen".
Leggi

L'Alligatore - Smemoranda

Questo libro ci fa conoscere bene uno dei migliori batteristi degli ultimi cinquant’anni e ricorda che i Police non sono stati solo Sting.
Leggi

Stefania Paradiso - Un Mondo di Italiani

minimum fax celebra il mito di uno dei musicisti più innovativi ed eclettici della scena musicale mondiale.
Leggi

Corriere.it

Il mito dei Police in Italia con la sua autobiografia.
Leggi

Barbara Tomasino - Libero

Stewart Copeland alla Casa del Jazz di Roma.
Leggi

Ansa.it

Il grande batterista a Roma.
Leggi

Alessio Nisi - Il Romanista

L'autobiografia di uno dei musicisti più innovativi della scena musicale mondiale.
Leggi

Antonio Prudenzano - Affari Italiani

Una straordinaria carriera musicale accompagnata da una vita personale altrettanto straordinaria.
Leggi

Marina Bisogno - Corriere Nazionale

Tra i titoli da mettere in valigia.
Leggi

Luca Cacciatore - Freequency

Esilaranti le pagine in cui un esordiente Copeland invia a Melody Maker lettere da finto fan per autocelebrarsi.
Leggi