Due o tre cose che so di me

Scritti e conversazioni sul cinema

Tra gli autori della Nouvelle Vague, Jean-Luc Godard è il più sperimentale e critico: la sua riflessione teorica sul cinema, che ha fatto sempre da controcanto alla sua opera di regista, ha avuto un ruolo chiave nel panorama mondiale della settima arte dagli anni Sessanta in poi. È per questo che oggi Godard è considerato il padre del cinema d’autore; e per questo era indispensabile pubblicare finalmente in Italia quest’opera da tempo attesa da chiunque si occupi di cinema per passione, per studio o per mestiere. Formatosi alla grande palestra critica dei Cahiers du cinéma, questo geniale e temuto maestro si è servito di volta in volta della recensione, della lettera, della divagazione, della conferenza, dell’intervista, della polemica o del saggio per chiarire agli altri e a se stesso la direzione che stavano prendendo la sua ricerca cinematografica e le idee più generali sull’arte del cinema.

Titolo originale: Jean-Luc Godard par Jean-Luc Godard
Traduzione: Orazio Leogrande , Andreina Lombardi Bom

ISBN: 978-88-7521-146-2
Pagine: 320
Pubblicazione: ott 2007

10,00 € -15%
8,50 € 8.5 EUR

10,00 €

In riassortimento

Extra

Scarica la copertina del libro

Altri libri di Jean-Luc Godard:

Le recensioni della stampa

La rivista del cinematografo

Hitchcock o Godard?
Leggi

Francesco Troiano - TTL - La Stampa

Godard si racconta.
Leggi

Mario Calderale - Segno Cinema

Due o tre cose che so di me.
Leggi

Dario Zonta - Lo Straniero

Due o tre cose che so di me.
Leggi

Giudizio Universale

Due o tre cose che so di me
Leggi

Claudio Siniscalchi - Libero

I folli litigi del dandy stregato da Mao
Leggi

Jean-Luc Godard - Il Sole 24 Ore

"Fate film, non poesie"
Leggi

Massimo Lastrucci - Ciak

Altre letture.
Leggi