Dio mio, grazie

Riemerso da una spedizione in fondo all’oceano, il paleontologo ebreo Calvin Cohn scopre con sgomento che nel frattempo la Terra è stata colpita da un secondo diluvio universale. Per un «minuscolo errore» di Dio, Calvin è l’unico uomo a essere sopravvissuto. Si ritrova così naufrago su un’isola insieme a Buz, uno scimpanzé che un esperimento scientifico ha reso capace di parlare. Quando appaiono le altre creature scampate alla sciagura – degli scimpanzé, dei babbuini e un gorilla – Calvin si impegna a educarle come esseri umani, convincendosi poco a poco che grazie a loro potrà nascere la generazione che ripopolerà il pianeta, e che Dio tornerà ad amare le sue creature.
Una svolta radicale rispetto agli altri romanzi di Malamud, una geniale favola di fantasia sul futuro dell’uomo e insieme una cruda parabola sulla sua natura, narrata con quella ricchezza d’invenzione e di scrittura che conferma Malamud fra i massimi scrittori americani di sempre.

Con una prefazione di Fabio Stassi 

Titolo originale: God's Grace
Traduzione: Camillo Pennati

ISBN: 978-88-7521-780-8
Pagine: 241
Pubblicazione: feb 2017

16,00 € -15%
13,60 € 13.6 EUR

16,00 €

Acquista
Titolo originale: God's Grace
Traduzione: Camillo Pennati

ISBN: 9788875218140
Pubblicazione: mar 2017

8,99 € 8.99 EUR

8,99 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Le recensioni della stampa

Bollettino della Comunità Ebraica di Milano

Un libro post-apocalittico, superbamente profetico, profondamente ebraico.
Leggi

Alessandro Litta Modignani - Il Foglio

Una storia "bibilica" come poche altre, una distopia tutta ebraica intessuta di aneddoti e parabole, metafore e simbolismi.
Leggi

Alessandro Litta Modignani - Il Foglio

Una storia "bibilica" come poche altre, una distopia tutta ebraica intessuta di aneddoti e parabole, metafore e simbolismi.
Leggi

Paolo Simonetti - Alias - il manifesto

Un'affascinante e disturbante incursione nella fantascienza, un romanzo post-apocalittico che è anche la favola più surreale scritta da Malamud - al tempo stesso umoristica e profondamente drammatica.
Leggi

Paolo Simonetti - Alias - il manifesto

Un'affascinante e disturbante incursione nella fantascienza, un romanzo post-apocalittico che è anche la favola più surreale scritta da Malamud - al tempo stesso umoristica e profondamente drammatica.
Leggi

Sabina Minardi - L'espresso

La scrittura esatta di Malamud trascina ipnotica in un regno di fantasia che strappa di continuo il sorriso.
Leggi

Rossella Montemurro - Il mio tg

Malamud, tra i più grandi scrittori americani di sempre, in Dio mio, grazie regala una favola di fantasia sul futuro dell’uomo che vuole essere, al tempo stesso, una cruda parabola sulla sua natura. S...
Leggi

Informazione Corretta

Ristampato il capolavoro di Bernard Malamud: "Dio mio, grazie".
Leggi

Rossella Montemurro - Il mio tg

Malamud, tra i più grandi scrittori americani di sempre, in Dio mio, grazie regala una favola di fantasia sul futuro dell’uomo che vuole essere, al tempo stesso, una cruda parabola sulla sua natura. S...
Leggi