Judah's Blood

Titolo originale: Sangue di Giuda
Book published: April 2021
Book pages: 171
Rights sold to:


"The other night they got my TV ". The story sets out with this weird disappearance, just as Pippo Baudo - the most famous Italian anchorman – was being on the screen. Suddenly the rooms "all started to sweat", and silence broke out. 

To tell the detective, in his ungrammatical language – a unwashed mix between Apulian and Campanian – is Giuda (Judah) or Giudariè, an old man who lives in the middle of a southern town like so many other, Merulana. Besides the TV set, Judah shares his loneliness with Ammonius, an incontinent cat, and the ghost of his father, who is still angry at him and never misses a chance to frighten him. It was indeed this abusive and unruly father who changed his son’s first name, compromising his existence and imprinting on him this new and infamous identity as a whistleblower. 


Now, fifty years later, the theft of the Mivar TV brings Judah back to the very path of his childhood, to his eternal trafficking, to all the insults and the sympathies, to his violent, derelict and desperate humanity. 

From here on, his descent into the realm of nocturnal souls begins and only at the end of this long journey, sung with bitter irony in the popular epic of the dialect, will the protagonist finally be able to regain, at a very high price, some of his usurped dignity and, perhaps, his lost name. 

 


A moving novel but also funny. You can’t help but love the protagonist and accompany him in that village, where it’s all repeating.

HuffPost 

A story of the last, of the unfortunate and oppressed. A story of reconquered dignities that stuck to the reader.

Marie Claire

Press reviews

Alessandra Minervini - La Repubblica - Ed. Bari

Scritto nella lingua ca me port'appresso, una lingua inesistente che unisce la musicalità del dialetto al disagio di essere sempre da un'altra parte rispetto al resto del mondo, Sangue di Giuda è una ...
Leggi

Giulio Papadia - La Balena Bianca

Sangue di Giuda, titolo dal forte impatto che rimanda tanto a un’imprecazione tipicamente meridionale quanto alla corporeità violata del protagonista, è un intenso romanzo di decostruzione e scavo a r...
Leggi

Giacomo Ferrara - Marvin

La voce di Giuda mi è stata così simpatica che avrei voluto conoscere molto di più riguardo la sua storia, e capire come sia finito al punto in cui lo abbiamo trovato (banalmente, che lavoro abbia fat...
Leggi

Maria Laura Labriola - Cronache di Napoli

Un pagliaccio che sotto il suo trucco nasconde il dolore, ma che alla fine troverà la sua identità.
Leggi

Valeria Nicoletti - quiSalento

Un magistrale racconto degli ultimi che si chiude con uno spiraglio di luce.
Leggi

Matteo Moca - L'Indice dei Libri del Mese

È sorprendente per la sua forza prorompente che porta il romanzo, insieme al suo autore, a un battesimo editoriale che non può lasciare indifferenti.
Leggi

Giovanni Bitetto - Flanerì

Una sperimentazione sulla lingua che dal calco orale si trasfigura in un idioma mai parlato e, fino ad ora, mai scritto.
Leggi

Filippo Reina - Altri animali

Un Gadda in minore, il giovane scrittore pugliese ha rispecchiato il caos del mondo nel caos dei linguaggi, lo ha assunto come cifra stilistica che possa illuminare la nostra cognizione del dolore.
Leggi

Mario Capello - HuffPost

Un’invenzione stupenda, che anima la pagina, che dona alle 160 pagine del libro un ritmo – un “tiro” – pazzesco; che sorprende, per la facilità di lettura e per come sa evocare una voce.
Leggi

Rossano Astremo - Nuovo Quotidiano di Puglia

Giuda, il reietto del Sud che parla come Gadda: intervista a Graziano Gala.
Leggi

Sergio Pent - Tuttolibri - La Stampa

Una storia nera, ma anche un viaggio a cuore aperto in un contesto popolare che davvero non poteva essere raccontato nella lingua di Dante, ma solo così, con l'irruenza di un dialetto.
Leggi

Alessio Paiano - Satisfiction

Gala non vuole fare la morale a nessuno, nemmeno mostrarci la strada della purezza. Vuole solo dire: quanto è difficile vivere come Giuda, ma quanto è libero Giuda.
Leggi

Gaia Giovagnoli - minima&moralia

Gala ha creato un personaggio profondamente commovente, tragicomico, che non assolve il lettore.
Leggi

Ferruccio Mazzanti - Il mondo o niente

In lui la trama è un ornamento, perché è la lingua e la sua invenzione il cardine su cui fa scricchiolare la realtà.
Leggi

Gianni Montieri - HuffPost

Un libro commovente e in diversi punti divertente, non si può fare a meno di volere bene al protagonista e di accompagnarlo in questo paese in cui tutto si ripete.
Leggi

Giulio Silvano - Il Foglio

C'è qualcosa di ipnotico in questa lingua musicale con quelle a aperte, le j pronunciate come i semiconsonanti, le parole troncate.
Leggi

Marco Carratta - minima&moralia

Una lingua irregolare, comprensibile e vivace, frutto dell’unione di diversi dialetti meridionali che assume il fascino di un codice universale degli ultimi, di chi è rimasto senza santi da pregare.
Leggi

Davide Morganti - Il Mattino - Salerno

Gala: la lingua meticcia di Giuda, eroe dei reietti. L'intervista.
Leggi

Remo Rapino - Domani

Il modello linguistico, fatto di incroci e contaminazioni, rende la lingua protagonista principale dell'opera, al di là degli eventi e dei personaggi.
Leggi

Corrado De Rosa - Mar dei Sargassi

È come se attraverso quel modo di comunicare contromano, Giuda rivendicasse una ribellione a bassa intensità, un personalissimo sabotaggio di quella specie di ragnatela che è la vita.
Leggi

Marta Cervino - Marie Claire

Una storia di ultimi, di umiliati e offesi e dignità riconquistate che resta attaccata addosso.
Leggi

Sara Pisaneschi - Thrillernord

È un romanzo interamente scritto in dialetto e la cosa sorprendente, una delle tante, è che non stanca affatto. Anzi. È il linguaggio del cuore e dell’urgenza.
Leggi

Antonello Saiz - Satisfiction

Graziano Gala, forte di tante storie di paese, sceglie di dare voce alla rabbia e al dolore di Giuda attraverso una lingua e di dare corpo a un dialetto che diventa anima del nostro Sud.
Leggi

Le recensioni di Francesco Paolo Oreste

Un libro straordinario per il quale è giusto fare un po’ “capa e pagina”, e perché Graziano Gala sicuramente ci ha buttato sudore e sangue per scrivere questa meraviglia
Leggi

Antonio Mandese - Buonasera - Taranto

Tra i consigli della settimana. Storie che raccontano il nostro tempo per provare a decifrare il presente.
Leggi

Squittii tra le pagine

Giuda è in ognuno di noi: in ogni persona che ha subito un trauma, in ogni persona che cerca di dimenticare e, infine, di fare pace con il proprio passato e andare avanti.
Leggi

Adele Errico - Il Loggione Letterario

In lui c’è quella bontà assoluta che per gli altri è follia, è demenza ma che è, poi, una tenerezza che fa sorridere ma anche commuovere, c’è la dolcezza che provoca un moto del cuore.
Leggi

Radio Capital - Ora Daria

Graziano Gala è ospite di Daria Bignardi su Radio Capital: ascolta il podcast.
Listen

- Rai Cultura

Graziano Gala racconta il romanzo intervistato da Federica Velonà.
Guarda