Verso Occidente l'impero dirige il suo corso

Questa è la storia di sei personaggi in viaggio verso un luogo dove forse non arriveranno mai; è la storia di una poetessa ambiziosa che compone versi fatti tutti di consonanti, di un Ronald McDonald che si fa le canne, di un grande pubblicitario che spaccia rose fritte, di un gigantesco contadino che fa l’autostop in mezzo ai campi dell’Illinois e di un giovane arciere che possiede una freccia incantata. È il ritratto brillante e desolato di un’epoca in cui convivono opulenza e spossatezza, economie di scala e ossessioni solipsistiche. È una critica serrata alle insidie della cultura mediatica e dell’arte pubblicitaria, e alle degenerazioni della letteratura postmoderna. È un tour de force linguistico di cui solo il talento di David Foster Wallace poteva essere capace. È un libro visionario, impegnato, surreale, complesso ed esilarante. È un libro come non ne avete mai letti.

Titolo originale: Westward the Course of the Empire Takes Its Way
Traduzione: Martina Testa

ISBN: 978-88-7521-426-5
Pagine: 234
Pubblicazione: giu 2012

12,50 € -15%
10,63 € 10.63 EUR

12,50 €

Acquista
Titolo originale: Westward the Course of the Empire Takes Its Way
Traduzione: Martina Testa

ISBN: 9788875215415
Pubblicazione: giu 2012

8,99 € 8.99 EUR

8,99 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Le recensioni della stampa

Stefano Bartezzaghi - La Repubblica

Quando David Foster Wallace decostruì la metanarrazione postmoderna di John Barth.
Leggi

Silvia Guidi - L'Osservatore Romano

La forma è sempre sostanza, per Foster Wallace. E il suo stile barocco e caparbiamente meticoloso non è solo l’esito di un perfezionismo ossessivo — che, pure, è presente in qualche pagina della sua p...
Leggi