Rock encyclopedia

Nel 1959 sbarca a New York una giovane giornalista australiana. Donna indipendente, scrittrice brillante, osservatrice acuta e affamata di novità: il suo nome è Lillian Roxon, e in dieci anni intensissimi, vissuti gomito a gomito con gli artisti, i musicisti e gli intellettuali più in vista degli anni Sessanta, rivoluzionerà il modo di raccontare la cultura pop e i fenomeni giovanili. Nel 1969, l’anno del festival di Woodstock, esce la sua Rock Encyclopedia, la prima enciclopedia dedicata alla musica rock. Con uno sguardo lucido e appassionato, affilato da una vena ironica e uno stile di scrittura modernissimo, Lillian Roxon tira le somme di un decennio di eccessi e innovazioni, di mode passeggere e profonde trasformazioni dei costumi, dettando lo standard per il nuovo giornalismo musicale che sarebbe esploso – come genere di scrittura e come metodo di interpretazione della contemporaneità – negli anni Settanta. Questo volume presenta per la prima volta ai lettori italiani il testo integrale della Rock Encyclopedia, ed è completato da una selezione di articoli dell’autrice e da un profilo introduttivo firmato dal biografo Robert Milliken.

«Riuscire a tenere in piedi il mondo del rock quanto bastava da permettermi di fotografarlo è stata una delle missioni più difficili nel fare questo libro. Troppa gente ha chiuso gli occhi nell’attimo esatto in cui scattavo la foto. Anche se poi, non è proprio questo il rock? Questa irrequietezza? Questa follia e disperazione e intermittenza elettrica? Volevo registrare i fatti senza perdere le emozioni. E però alla fine è stata la stessa musica a raccontare la storia. Il libro è solo il compagno di viaggio di quella storia».

Lillian Roxon
New York, agosto 1969 

«Sono della vecchia scuola che ama un gruppo quando è senza un soldo e si batte e tormenta con liti e conflitti e tragedie emotive. Continuo a pensare che “commerciale”, se accoppiato alla musica rock, sia una brutta parola. Il che, mi spiace ammetterlo, è un modo di pensare molto anni Sessanta. Gli anni Settanta sono arrivati e non è più così che vanno le cose. Il rock è un grosso affare e tant’è. Potrà non piacermi, ma non posso cambiarlo così come non posso rimettere insieme i Beatles».

Lillian Roxon
gennaio 1971 

Traduzione: Tiziana Lo Porto

ISBN: 978-88-7521-602-3
Pagine: 500
Pubblicazione: ott 2014

16,00 € -15%
13,60 € 13.6 EUR

16,00 €

Acquista
Traduzione: Tiziana Lo Porto

ISBN: 9788875216290
Pubblicazione: ott 2014

8,99 € 8.99 EUR

8,99 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Le recensioni della stampa

Bizarre - Blow Up

La Roxon, anche se non era un'artista delle musica, visse davvero una vita immolata al dio del rock.
Leggi

Michele Lauro - Panorama.it

Una rilettura della cultura pop appassionante e modernissima.
Leggi

Laura Pezzino - Vanity Fair.it

Una delle cose belle da portarsi via da questo 2014.
Leggi

Corrado Augias - Il Venerdì - La Repubblica

Un libro lucido e visionario, indispensabile per chi ama il rock.
Leggi

Luca Mastrantonio - Corriere della Sera

Ritratto di gruppo in continua evoluzione ed estinzione.
Leggi

Alba Solaro - Marie Claire

Gli anni Sessanta e la rivoluzione musicale raccontati da un'australiana ribelle.
Leggi

Veronica Tosetti, Carol Rollo - Soft Revolution

Lillian Roxon venne definita “la regina del giornalismo rock’n’roll” e non a torto, perché prima di molti colleghi maschi riuscì a fare da tramite tra il rock e il resto del mondo.
Leggi