Le pietre e il popolo

Restituire ai cittadini l'arte e la storia delle città italiane

Perché il valore civico dei monumenti è stato negato a favore del loro potenziale turistico, e quindi economico? Perché la «valorizzazione» del patrimonio culturale ci ha indotti a trasformare le nostre città storiche in «luna park» gestiti da avidi usufruttuari? Lo storico dell’arte Tomaso Montanari ci accompagna in una visita critica del nostro paese: dallo showroom Venezia, a una Roma dove si delira di piste di sci al Circo Massimo, a una Firenze dove si affittano gli Uffizi per sfilate di moda e si traforano gli affreschi di Vasari alla ricerca di un Leonardo inesistente, a una Napoli dove si progettano megaeventi mentre le chiese crollano e le biblioteche vengono razziate, all’Aquila che giace ancora in rovina mentre i cittadini sono deportati nelle new town, scopriamo che l’idea stessa di comunità è stata corrotta da una nuova politica che ci vuole non cittadini partecipi ma consumatori passivi. Le pietre e il popolo non è solo un durissimo pamphlet contro la retorica del Bello che copre lo sfruttamento delle città d’arte, ma è un manuale di resistenza capace di ricordarci che la funzione civile del patrimonio storico e artistico è uno dei principi fondanti della nostra democrazia, e che l’Italia può risorgere solo se si pensa come una «Repubblica basata sul lavoro e sulla conoscenza».

ISBN: 978-88-7521-490-6
Pagine: 164
Pubblicazione: mar 2013

12,00 € -15%
10,20 € 10.2 EUR

12,00 €

Acquista
ISBN: 9788875215088
Pubblicazione: mar 2013

5,99 € 5.99 EUR

5,99 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Altri libri di Tomaso Montanari:

Le recensioni della stampa

Marianna Rizzini - Il Foglio

L’Italia del domani, dice Montanari, autore di un libro-denuncia intitolato “Le pietre e il popolo”, è un paese in cui, scrive, “il valore civico dei monumenti” non venga “negato a favore del loro po...
Leggi

Maurizio Crippa - Il Foglio

Uno scintillante pamphlet.
Leggi

Gianni Mura - La Repubblica

Le pietre e il popolo è un bel titolo, ma anche un bel libro.
Leggi

Luca Bortolotti - News Art

Sulle mostre, la didattica e la scrittura storico-artistica Sulle mostre, la didattica e la scrittura storico-artistica. Intervista a Tomaso Montanari.
Leggi

Luca Bortolotti - News-Art

«La mostra d’arte antica dovrebbe nascere dalla ricerca, al pari di libri o saggi, con la peculiarità però che essa si rivolge non alla ristretta cerchia di coloro che fanno ricerca ma alla generale p...
Leggi

Dario Pappalardo - La Repubblica

Tomaso Montanari attacca la retorica del bello e lo sfruttamento dell'opera d'arte a scopo di lucro e di turismo.
Leggi

Dipiù

Un saggio meraviglioso che tutti dovrebbero leggere.
Leggi

Vincenzo Vita - Il manifesto

Il bel libro di Tomaso Montanari testimonia il bisogno di progetti alternativi per rispondere al deserto culturale lasciato dal populismo berlusconiano.
Leggi

Paolo Fallai - Corriere della Sera

Un viaggio impietoso nell'Italia che nega il valore civico del patrimonio artistico.
Leggi

Giuseppe Frangi - Il Sussidiario

Un pamphlet bellissimo.
Leggi

La Repubblica - Ed. Firenze

Lo storico d'arte ospite a in un incontro a Firenze.
Leggi

Luigi Castagna - Avvenire

Raccomandazioni contro la mercificazione dell'arte.
Leggi

Left - Avvenimenti

Leggere contro la crisi.
Leggi

La Repubblica - Ed. Firenze

Un libro fortemente critico sulle politiche culturali in Italia.
Leggi

Salvatore Settis - la Repubblica

Usciamo dalla notte dei beni culturali
Leggi

Camillo Langone - Il Foglio

Tomaso Montanari è appassionato, competente, di scrittura brillante.
Leggi

Gabriella Bologna - Scene Contemporanee.it

La battaglia che lo storico dell'arte combatte da anni con libri, articoli e pamphlet è lunga e difficile, e questo libro ci aiuta a riflettere sul nostro passato e futuro.
Leggi

Cecilia D'Elia - Italia 2013

Le pietre e il popolo è una denuncia democratica perchè la crisi della tutela dei monumenti va di pari passo allo smarrimento del loro valore civico e all’impoverimento dello spazio pubblico delle cit...
Leggi

Tomaso Montanari - Il Giornale

«Nel 1948 la Costituzione ha spaccato in due la storia dell'arte italiana, assegnando al patrimonio storico e artistico della nazione una missione nuova al servizio del nuovo sovrano, il popolo.»
Leggi

Paolo Nori - Paolo Nori - Blog

Tomaso Montanari racconta, tra le altre cose, di come il primo cittadino di una delle più importanti «città d’arte» del nostro paese stia cercando di alimentare il suo mito personale, e diventare il f...
Leggi

Alfonso Berardinelli - Il Foglio

Deficit di civismo, minacce di stilisti, opere privatizzate. Montanari spiega le altre minacce ai patrimoni italiani.
Leggi

Claudio Franzoni - Doppiozero

I valori su cui Montanari costruisce la propria requisitoria sono quelli della Costituzione e del Codice dei Beni Culturali.
Leggi

Corriere della Sera - Ed. Roma

Visita critica dell'Italia.
Leggi

La Repubblica - Ed. Napoli

Monumenti e chiese sprofondati nell'incuria. Viaggio nella grande bellezza dimenticata.
Leggi

Simona Maggiorelli - Left

Le voci più autorevoli della critica letteraria e d'arte della generazione dei quarantenni tornano a rivendicare il valore del pensiero critico.
Leggi

Tomaso Montanari - Il Fatto Quotidiano

Portiamo gli Uffizi in periferia.
Leggi

Fabrizio Moretti - Panorama.it

Investire energie e soldi per restaurare monumenti reali.
Leggi

Simona Maggiorelli - Left

Un volume che stigmatizza il vuoto culturale e la mancanza di strategie dei nostri governi.
Leggi

Luca Nannipieri - Il Giornale

Perché lo Stato deve tutelare il patrimonio artistico, non i privati.
Leggi

Tomaso Montanari - Corriere del Mezzogiorno

Se la cultura diventa un luna park. Un estratto da «Le pietre e il popolo».
Leggi

Silvana Mazzocchi - Repubblica.it

Il libro-denuncia dello storico dell'arte Tomaso Montanari che dimostra come i nostri tesori artistici e architettonici siano ridotti a puri oggetti di sfruttamento turistico e commerciale.
Leggi

Tomaso Montanari - Corriere Fiorentino

Montanari, Firenze, il peso del passato. E qualche idea per cambiare. Un estratto da "Le pietre il popolo".
Leggi

Goffredo Pistelli - Italia Oggi

Conservare e rispettare serve per tramandare al futuro.
Leggi

Alessandro Leogrande - Corriere del Mezzogiorno

Una lunga disamina su come la presunta valorizzazione del patrimonio culturale italiano abbia spinto a trasformare le nostre città storiche in immensi luna park.
Leggi

Virgilio

Se il patrimonio è democrazia.
Leggi

Gioacchino De Chirico - Tafter

Tomaso Montanari ci lascia di stucco. Come uno specchio che si assumesse la briga di restituire l’immagine del nostro modo di pensare e non solo quella del corpo con il vestito che ci mettiamo addosso...
Leggi

Michele Dantini - Il Giornale dell'Arte

Un pamphlet che dispiega (e combatte) il vasto sciocchezzaio delle politiche culturali in tema di patrimonio.
Leggi

Salvatore Settis - Micromega

Usciamo dalla notte dei beni culturali.
Leggi

Fabrizio Moretti - Panorama

L'arte usata solo per finire in prima pagina.
Leggi

Bruno Babando - Lo Spiffero

In tempi di disastri, approssimazioni, ignoranza e presunzione, che vanno in genere d’accordo, un libro integralista come questo dello storico dell’arte Tommaso Montanari è una necessaria boccata di a...
Leggi

Paolo Petroni - L'Arena

Le città d'arte si trasformano in simil-disneyland.
Leggi

Wuz

Di gente come Tomaso Montanari la politica italiana avrebbe un gran bisogno.
Leggi

La Repubblica - Ed. Napoli

Nella Top five dei libri più venduti.
Leggi

Arte.sky.it

Tomaso Montanari mette in guardia da fantasiose operazioni di mercificazione del patrimonio storico-artistico, spesso considerato alla stregua di un set per mere campagne pubblicitarie.
Leggi

Tafter.it

Per una politica che vuole cittadini partecipi e non consumatori passivi.
Leggi

Paolo Petroni - La Sicilia

Contro la retorica del Bello.
Leggi

Il Sannio

Denuncia al territorio messo in atto dall'attuale dirigenza.
Leggi

La Valsusa

Tomaso Montanari e il suo pamphlet in Val di Susa.
Leggi

Paolo Petroni - Bresciaoggi

L'appello di Tommaso Montanari per restituire «l'arte ai cittadini».
Leggi