Exmachina

Musical history of our extinction from 1992 → ∞
Titolo originale: Exmachina
Book published: February 2022
Book pages: 335
Rights sold to:


"Exmachina is a kind of time machine: it creates a delicious sensation of being plunged back into the  early ‘90s and immersed in all the wide-eyed excitement about the oncoming future that seemed to be manifesting itself through electronic dance and non-dance music, swept up once again in the fevered intellectual climate of that time. [...] Mattioli took the pandemic trauma and used it to create an adventure close to home. This is the story of where the music took his mind." Simon Reynolds


Aphex Twin, Autechre and Boards of Canada are among the most venerated experiences in the musical panorama of the recent decades, undisputed heavyweight of that kind of electronic music that critics call intelligent dance music or IDM (unfortunate wording).
From Radiohead to Bjork, from MTV adverts to all modern musical forms for machines, there is no musical field that has not been affected by their influence. But, despite an entourage of devoted fans that created forms of manic worship and the definitive canonization by critics and audience, AFX, AE and BOC are anonymous figures, without a face, whose biographies have not that epic breath typical of rock musicians. So, why is their influence so crucial?

Thirty years after the release of Artificial intelligence, for the label Warp, the IDM manifesto-compilation that elevated "the stupidity" of techno music to an "high" and cerebral art form, Exmachina offers a response - risky, paranoid, yet frighteningly compelling – inviting us to read the parables of these three artists as three chapters of a unique story: the one that begins with the irruption of the algorithm in our bedrooms and ends up (or not?) with the extinction of our species.

On the strength of his musical competence, bordering obsession, Mattioli does not hesitate to contaminate theory – Fisher, Reynolds, British cybernetics and Erik Davis, CCRU and AUDIT investigations – with his own sensibility and nightmares. The result is a very precise acoustic instrument that listens to us from the future, intercepting, in music, the anomalous frequency that is the spirit of our terrifying times. 

 


Press reviews

Stefano I. Bianchi - Blow Up

Scritto con stile scorrevole e piacevolmente "rock" utilizzando metodi e tecniche di pura qualità d.o.c.g. nerd, l'insieme funziona a meraviglia allorché la narrativa non allarga troppo lo spettro ide...
Leggi

Federico Sardo - il Tascabile

Intervista a Valerio Mattioli «Ovviamente, possiamo tirare in ballo tutta una serie di motivazioni più semplici e prosaiche, ma effettivamente pensaci: come pretendere di applicare le categorie dell’u...
Leggi

Francesco Pacifico - Domani

Una scrittura capace di far sognare. I suoi libri diventano incubi ma questi incubi sono la promessa di una vibrazione di vita superiore. Siamo in un'epoca di content e di opere piacevoli che scendono...
Leggi

Alberto Piccinini - Linus

Exmachina è un'esplorazione della musica elettronica tra gli anni 90 e gli anni Zero subito dopo la stagione dei rave, che sono stati l'ultimo grande rito di corpi vivi e macerie industriali.
Leggi

Leonardo Merlini - L'Essenziale

Un saggio personale che analizza, attraverso il prisma della musica elettronica, una delle dinamiche chiave del nostro presente: il dominio di una tecnologia senza volto che oggi maneggiamo ogni giorn...
Leggi

Claudia Durastanti - Internazionale

Mattioli parla dei nessi tra tecnologia, memoria e conjuring del futuro
Leggi

Alessandro Besselva Averame - Rumore

Valerio Mattioli azzarda una operazione che è, prima di tutto, l'esuberante e "iper-esergetico" tentativo di raccontare il non raccontabile, ovvero un universo sonoro, quello nato in seno alla Warp, c...
Leggi

Carlo Bordone - RollingStone.it

Argomenti e musiche impegnativi, se non si è troppo addentro alla materia, ma lo stile di Mattioli tiene incollati alle pagine nonostante (o forse proprio in ragione di) la tendenza alla dispersività ...
Leggi

Danceland

Una storia che inizia con l'irruzione dell'algoritmo
Leggi

Chiara Bianchi - CruncEd

La musica delle Macchine diventa patrimonio di un futuro che è già passato. Mattioli ne parla nella sua narrazione paranoica, dialogando in qualche modo con la filosofia e la critica musicale dell’epo...
Leggi

Emanuele Sacchi - Film Tv

C'è del genio in Mattioli.
Leggi

Roberto Mandolini - Rockerilla

Valerio Mattioli trova un modo intelligente per parlare di tre artisti della Warp che hanno fatto la storia della musica degli ultimi trent'anni.
Leggi

Franco Zanetti - Rockol

Quel che fa la differenza fra "Ex Machina" e la maggior parte dei libri che leggo per recensirli è che Mattioli scrive benissimo, proprio dal punto di vista della capacità lessicale e narrativa: tanto...
Leggi

Giovanni Bitetto - Singola

Intervista a Valerio Mattioli «Una delle cose che mi piacerebbe venisse fuori dalla lettura di Exmachina è che la musica di cui parlo non è semplicemente un fenomeno contemporaneo o parallelo alla nas...
Leggi

Andrea Frateff-Gianni - Tag43

Mattioli descrive all’interno del suo libro la musica elettronica come una specie di spinta utopica che attraversa le epoche, più che un puro e semplice genere musicale favorito dalle innovazioni tecn...
Leggi

Fabio Malagnini - Pulp Quotidiano dei libri

Imperdibile per i cultori della materia.
Leggi

Stefano "Bizarre" Quario - Soundwall

Secondo Mattioli questo potrebbe essere lo step decisivo per favorire un passaggio che porti l’uomo a essere meno umano e più macchina
Leggi

Mattia Barro - Esquire Italia

Mattioli, in questo lavoro, sceglie di provocarci, terrorizzarci, affascinarci, tra deliri tecno-filosofici e ricordi infestanti. Ex Machina è una dichiarazione d’amore paranoica, la ricerca di una (n...
Leggi

Cristiano Inguglia - The New Noise

Gli spiriti guida di questo viaggio sono la passione per la musica e soprattutto la paranoia, stato d’animo prevalente durante il concepimento del libro.
Leggi

Cristiano de Majo - Rivista Studio

Prende le mosse dal ’92 per raccontare come la Warp Records (la mitologica etichetta di Sheffield) e in particolare Aphex Twin, Autechre e Boards of Canada, abbiano saputo immaginare il futuro che ci ...
Leggi

Michele Lupo - Albi online

Ciò che conta nel libro di Mattioli, imperdibile per i cultori del genere, è la capacità di mostrare come queste musiche siano (state?) il luogo in cui pare essersi incisa una scansione temporale deci...
Leggi

Giovanni Coppola - L'ultimo disco

Intervista a Valerio Mattioli: «Una volta entrati nel dominio della macchina, le nostre categorie spazio-temporali vengono meno, e ti ritrovi in un luogo in cui le coordinate a cui sei abituato divent...
Leggi

Luigi Lupo - SENTIREASCOLTARE

Intervista a Valerio Mattioli e Simon Reynolds
Leggi

The Parallel Vision

“Exmachina“, tra gli ultimi libri usciti in libreria, è indubbiamente uno dei più curiosi e stuzzicanti.
Leggi

Kolporz

Valerio Mattioli affronta Aphex Twin, Autechre e Boards of Canada
Leggi

Robinson - La Repubblica

Exmachina nella top ten di Robinson
Leggi

L'indiscreto

Un estratto dal libro
Leggi

Simon Reynolds - Il Tascabile

Per molti versi, sono un lettore ideale di Exmachina di Valerio Mattioli
Leggi

- Battiti Rai Radio 3

Valerio Mattioli ospite di Battiti racconta Exmachina: Storia musicale della nostra estinzione
Listen