Chronicles from the Land of Scarciafratta

Titolo originale: Cronache dalle terre di Scarciafratta
Book published: October 2021
Book pages: 191
Rights sold to:

Kein & Aber (German rights) 

Scarciafratta is an imaginary village in Abruzzo (like Vigàta in Camilleri’s books on Montalbano). Perched high on the hillsides of the Appennino, it’s a theatre of ghosts and visions. 


A terrible earthquake, the Bad Thing, has emptied the village. The houses are reduced to rolling stones that turn to powder but keep talking. Among them, on the Rock, only one man has been resisting for years: Mengo. He seated in front of a door under a rag moon, with Sciambricò, a bright-eyed fifteen years old sheepdog.


Digging through the rubble of the school, he found some children’s notebooks and a register of the inhabitants that an employ «“sfastognato” (enlarged) of stamps and certificates has filled with names, dates, births, deaths and weddings», with all the stories of the village. At the end of his life, to «give voice to those who have been submerged by death», Mengo will write down all those stories, in the sanatorium of Villa Adriatica.

Until the dawn of the 21st of July of the 1969, when the American astronauts Neil Alden Armstrong e Edwin Aldrin, enveloped in a barely perceptible solitude, land on the moon, and Mengo finishes to write the last letter.


Continuing along the path inaugurated with The Life and Times of Bonfiglio Liborio, in this choral novel Remo Rapino keeps narrating, among laughs and tears, the epic of the last, the deadbeats and the madmen of his region, and keeps giving back the dignity of a name at least to those who has been robbed of their memory.

Press reviews

Alberto Riva - il Venerdì - La Repubblica

I cafoni di Rapino sono singoli individui, psicologie osservate da vicino, scrutate nella devianza di una condizione di smottamento psichico, geografico e persino geologico.
Leggi

Giacomo Tinelli - Alias- il Manifesto

Nelle Cronache è una coralità di voci a raccontare le vicende paesane più insignificanti (le rivalità o i sodalizi personali, gli amori felici o infelici, le partenze e gli arrivi) che tuttavia sono l...
Leggi

Ermanno Paccagini - Nuova Antologia

Un racconto di struggente tenerezza, nel quale l'impatto linguistico suona più tenue e meno storpiante che nel precedente, proprio perché poggiante più sull'immagine che sulla pronuncia.
Leggi

Giulia Calligaro - Io Donna - Corriere della Sera

Un libro che tiene caldo, che rende umani
Leggi

Ermanno Paccagnini - la Lettura - Corriere della Sera

Ci si muove sempre un'umanità emarginata ed eccentrica, dai comportamenti stravaganti spesso assegnati alla follia, a partire proprio dalla figura centrale di Ruscitti Domenico Giuseppe detto Mengo
Leggi

Letteratitudine

Remo Rapino racconta il suo romanzo «Cronache dalle terre di Scarciafratta» per gli Autoracconti d’Autore
Leggi

Manuel Graziani - Rumore

Quegli abruzzesi forti come muli e matti come cavalli, amari come la genziana e gentili come una folata di vento tiepido
Leggi

Stefano Redaelli - minima&moralia

Ogni volta che un poeta si mette in ascolto, varca la soglia di una clinica, guarda la luna piena, squallida e veritiera, la follia torna a parlare. E siamo un po’ più inquieti, un po’ più beati. Siam...
Leggi

Fabio Dell'Armi - Mangialibri

Intervista a Remo Rapino: «Amo scoprire linguaggi nuovi, al di là delle storie. La scrittura rivela mondi incredibili: un libro è, prima di ogni altra cosa, un essere vivente»
Leggi

Fabio Dell'Armi - Mangialibri

È pane buono quello di Rapino. È vino vero, vivo. È cibo condiviso. È musica. E che bella musica: quella di una banda di orfani.
Leggi

Anna Brandiferro - Certastampa

Intervista a Remo Rapino: «I primi passi di un viaggio sono dettati, per quanto mi riguarda, dalla ragione e dal cuore: dar voce agli ultimi della fila, a chi vive ai margini, per ricordare a tutti il...
Leggi

Manuela Baldi - gialloecucina

Quanta grazia nel racconto di Remo Rapino.
Leggi

Paolo Perlini - CrunchEd

È una lettura personale che talvolta richiede un passo indietro oppure una pausa. E poi ti invita a cercare la tua Scarciafratta: sta lì, appena fuori la tua città.
Leggi

Michele Berretta - Rock'n'Read

Bisogna avviare una rivoluzione minima, gentile: tornare ad ascoltare le voci, anche le più lontane. Sono le nostre radici. Che ci ricordano chi siamo, e da dove veniamo.
Leggi

Gianni Usai - Squadernauti

Remo Rapino, nel suo nuovo romanzo, prosegue il percorso di ricerca linguistica e antropologica che già con "Vita morte e miracoli di Bonfiglio Liborio" aveva portato a fortunati esiti struggenti.
Leggi

Noemi De Luca - Mar dei Sargassi

Attraverso gli occhi malinconici e incantati di Mengo, Remo Rapino ha scelto di raccontare quel sacrario italico che sono gli Appennini: un rosario di borghi sospesi tra nuvole e rocce, crinali e vall...
Leggi

Convenzionali

Remo Rapino è la più squillante, oltre che unica voce possibile per chi voce non ha avuto mai.
Leggi

Noemi De Luca - Mar dei Sargassi

Intervista a Remo Rapino: «Certo, molto. Io credo che la scrittura e la lingua siano una cartina tornasole di una società. Avere una ricchezza di linguaggio comporta una maggiore capacità di comprende...
Leggi