Il museo dei pesci morti

Che siano falegnami sul set di un film porno, puntigliosi riparatori di macchine da scrivere, truffatori tossicodipendenti dallo sguardo pietoso, ragazzini costretti a crescere in fretta o sceneggiatori di successo finiti in un ospedale psichiatrico, i personaggi di questi otto racconti lottano per superare il trauma di un abbandono o di una violenza, per comprendere la deriva delle persone amate, per mantenere la propria umanità in un’America marginale e dolente, provinciale e uggiosa. La scrittura accurata e potente di D’Ambrosio - autore schivo e poco prolifico, ma acclamato dalla critica americana come una delle rivelazioni degli ultimi anni - li riscatta, descrivendo l’insoddisfazione personale di ciascuno come qualcosa da cui smettere di fuggire, e regalandoci un capolavoro dal fascino oscuro dal quale, come ha scritto il Seattle Times, «è quasi impossibile staccare gli occhi».

Titolo originale: The Dead Fish Museum
Traduzione: Martina Testa

ISBN: 978-88-7521-600-9
Pagine: 246
Pubblicazione: set 2014

9,00 € -15%
7,65 € 7.65 EUR

9,00 €

Acquista
Titolo originale: The Dead Fish Museum
Traduzione: Martina Testa

ISBN: 9788875216252
Pubblicazione: set 2014

4,99 € 4.99 EUR

4,99 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Altri libri di Charles D'Ambrosio:

Le recensioni della stampa

Ilaria Scarpiello - Solo Libri

Un ritratto spietato dell’America, provinciale e degradata come nella peggiore delle nostre realtà, boccheggiante come un pesce tirato fuori da un fiume con ancora l’amo attaccato alla presa, piena di...
Leggi

La Repubblica

Il museo dei pesci morti
Leggi

Rossella Montemurro - Il Quotidiano della Basilicata

La rivelazione D'Ambrosio
Leggi

Sebastiano Triulzi - Il Manifesto

I falliti emotivi di Charles D'Ambrosio
Leggi

APcom

America sull'orlo di una crisi
Leggi

Freek

Il museo dei pesci morti
Leggi