I cento fratelli

Con una prefazione di Jonathan Franzen.

Immaginate un ibrido fra l’estetica dark di Tim Burton, la comicità provocatoria dei Monty Python, la scrittura pirotecnica dei maestri del postmoderno: il risultato è I cento fratelli, a detta di molti il miglior romanzo di Donald Antrim, autore americano inclassificabile e geniale, oggetto di dichiarata ammirazione da parte di coetanei illustri come Jonathan Franzen, David Foster Wallace e Jeffrey Eugenides, e insieme a loro lanciato dal New Yorker come uno dei «venti scrittori per il nuovo secolo». Nell’enorme biblioteca diroccata di un’antica villa, cento fratelli (diversi per età, professione, interessi, carattere, ma uniti da un’infinità di piccole perversioni e devianze psicologiche) si riuniscono per cenare insieme e ritrovare l’urna delle ceneri del padre, temporaneamente smarrita. In un claustrofobico tourde force, esilarante e tragico al tempo stesso, seguiamo le loro vicende dal tramonto all’alba, fra scambi di insulti, formarsi e sciogliersi di alleanze, incontri di football improvvisati, scricchiolii sui soffitti, dobermann scatenati e un tasso alcolico in crescita perenne, finché le tensioni familiari non si scioglieranno in una sublime e sanguinaria conclusione. 


Titolo originale: The Hundred Brothers
Traduzione: Matteo Colombo

ISBN: 978-88-7521-331-2
Pagine: 194
Pubblicazione: giu 2011

12,00 € -15%
10,20 € 10.2 EUR

12,00 €

Acquista
Titolo originale: The Hundred Brothers
Traduzione: Matteo Colombo

ISBN: 978-88-7521-331-2
Pagine: 194
Pubblicazione: giu 2011

9,00 € -15%
7,65 € 7.65 EUR

9,00 €

Acquista

Extra

Scarica la copertina del libro

Le recensioni della stampa

Timothy Small - Prismo Mag

Uno dei romanzi più divertenti che abbia mai letto.
Leggi

Alessandro Puglisi - Sul Romanzo

Il fatto è che Antrim disdegna il naturalismo e, per certi versi, anche la realtà: la sua è una storia che sotto la forma di un divertissement o di quello che potrei definire “un erudito stupidario”, ...
Leggi

Ottavio Cappellani - Il Foglio

Una storia di una simpatica allucinazione letteraria che tappezza i muri con i suoi libri
Leggi