Essere senza casa

Sulla condizione di vivere in tempi strani

Viviamo in tempi strani. Il nostro mondo è scosso da ondate di populismo e pandemie, proiettato in un futuro fantascientifico di automazione e apocalisse climatica: sembra, insomma, essere sfuggito al controllo. Nel primo decennio del XXI secolo, senza davvero accorgercene, siamo entrati compiutamente nell’epoca ipermoderna, un’era fatta di accelerazione vertiginosa e orizzonti postumani in cui i contorni familiari della realtà sono mutati troppo rapidamente perché potessimo stare al passo.
Dalla Brexit al riscaldamento globale, dalle migrazioni di massa al terrorismo, l’intima stranezza dell’ipermodernità ci parla di un progressivo indebolirsi del senso di casa come luogo protetto dalle minacce dell’esterno.
Oggi viviamo una crisi dell’abitare reale e metaforica, siamo esposti all'azione del capitalismo digitale e messi a continuo confronto con universi alieni in cui i significati umani smettono di esistere. È su questa soglia tra umano e macchina, umano e animale, vita e non-vita, interno ed esterno, che prolifera la stranezza dei nostri tempi.
Mescolando personal essay e critica culturale, attraversando la Londra post-Brexit e i territori dell’Antropocene e spaziando tra letteratura, arte e storytelling politico, Essere senza casa estende il discorso iniziato da Mark Fisher in The Weird and the Eerie per riflettere sul significato di vivere in tempi strani. Il punto di partenza è la consapevolezza che l’unico modo per abbracciare la stranezza del presente, la weirdness dentro e fuori di noi, sia quello di comprenderne il significato storico, psicologico e culturale

ISBN: 978-88-3389-156-9
Pagine: 172
Pubblicazione: giu 2020

15,00 € -5%
14,25 € 14.25 EUR

15,00 €

ISBN: 9788833891989
Pubblicazione: giu 2020

9,99 € 9.99 EUR

9,99 €

Extra

Scarica la copertina del libro

Anteprima

Leggi un'anteprima del libro, scarica il PDF

Le recensioni della stampa

Matteo De Giuli e Nicolò Porcelluzzi - Medusa

Casa: intervista a Gianluca Didino
Leggi

NOT

Abitanti del non-mondo: un estratto da Essere senza casa di Gianluca Didino.
Leggi

Giovanni Bitetto - Flanerì

Un’utile cassetta degli attrezzi in cui il lettore accorto può prelevare i simboli adatti a discernere il reale.
Leggi

L'Indiscreto

I fantasmi della nostra epoca: un estratto da Essere senza casa di Gianluca Didino.
Leggi

Daniele Giglioli - La Lettura - Corriere della Sera

Gianluca Didino, brillante e informatissimo saggista.
Leggi

Massimo Mantellini - Manteblog

Il telegrafo e lo spiritualismo: un passaggio dal libro di Gianluca Didino.
Leggi

Francesco Cevasco - La Lettura - Corriere della Sera

I guai dell'epoca ipermoderna tra cui l'indebolirsi del senso di casa come luogo protetto dalle minacce dell'esterno.
Leggi

Laura Piccinini - D - la Repubblica

Casa, quale casa? Intervista a Gianluca Didino.
Leggi

Danilo Zagaria - Lo Strillone

Una panoramica straniante sugli anni ’10, sulle sue derive culturali e sui timori della nostra generazione. Un’analisi dello spirito dei nostri tempi, tempi in cui accadono cose davvero strane a tutto...
Leggi

Radio 3 - Fahrenheit

Gianluca Didino presenta Essere senza casa ospite di Fahrenheit su Radio 3: ascolta l'intervista.
Listen

- Decamerette

Gianlunca Didino presenta in anteprima "Essere senza casa" con Sara Marzullo e Severino Antonelli: guarda il video di Decamerette.
Guarda