Essere senza casa

Sulla condizione di vivere in tempi strani

Viviamo in tempi strani. Il nostro mondo è scosso da ondate di populismo nichilista e terrorismo, proiettato in un futuro fantascientifico di viaggi su Marte e transumanesimo, minacciato dall’apocalisse climatica: il nostro mondo sembra, insomma, essere sfuggito al controllo. In questo decennio, senza davvero accorgercene, siamo entrati nell’epoca ipermoderna, un’era fatta di accelerazione vertiginosa e orizzonti postumani in cui i contorni familiari della realtà sono mutati troppo rapidamente perché riuscissimo a stare al passo. Da Brexit al riscaldamento globale, dalle migrazioni di massa alla ricerca di vita nel sistema solare e oltre, l’intima stranezza dell’ipermodernità ci parla di un progressivo indebolirsi del senso di casa come luogo protetto dalle minacce dell’esterno. Oggi viviamo una crisi dell’abitare reale e metaforica, esposti alle logiche del capitalismo digitale e alle minacce di un’oscurità dove i significati umani smettono di esistere. È su questa soglia tra umano e macchina, umano e animale, interno ed esterno, che prolifera la stranezza dei nostri tempi.
Mescolando personal essay e critica culturale, attraversando la Londra di Brexit e i territori dell’Antropocene e spaziando tra letteratura, arte e storytelling politico, Essere senza casa estende il discorso iniziato da Mark Fisher in The Weird and the Eerie sulla condizione di vivere in tempi strani. Il punto di partenza è dunque la consapevolezza che l’unico modo per abbracciare la stranezza del presente, la weirdness dentro e fuori di noi, sia quello di comprenderne il significato storico, psicologico e culturale. 

ISBN: 978-88-3389-156-9
Pagine: 230
Pubblicazione: apr 2020

16,00 € -5%
15,20 € 15.2 EUR

16,00 €

Extra

Scarica la copertina del libro

Le recensioni della stampa

Laura Piccinini - D - la Repubblica

Casa, quale casa? Intervista a Gianluca Didino.
Leggi