Without

Titolo originale: Senza
Book published: June 2021
Book pages: 131
Rights sold to:


“Her nephews would have dressed her. I gave them the dress she had recently bought and a shirt in percale. The dress was antique pink and sleeveless. Paola never used to go out with her arms exposed, she considered it not very elegant”.   


Thus begins this novel, with few measured words that mark the entrance of a man in the time following the disappearance of his beloved wife. That time is a list of places, objects, books, episodes. It’s a time of missing and memory, it proceeds by gaps and oscillations. On one hand, the narration of the present time, traced with great restraint but without any fiction; on the other hand, memories of a life spent together and the echo of a near past: discovering the disease, the treatment, the surgeries, watching over her in an armchair with a blanket on. 


Without is the narration of a love to which has been denied the possibility of getting old. 


A posthumous letter, but also a diary of the emptiness, the astonishment of surviving places, the intolerance towards the egoism that nestles even in sufferance. And, finally, an apprenticeship of solitude, in a suddenly deserted world where, however, through writing, love survives even to absence. 

Press reviews

Maria Laura Labriola - Cronache di Napoli

Ogni capoverso necessita di silenzio e di una lunga pausa che con essenzialità delle parole ci descrive la cognizione del dolore, della vita e dell'amore
Leggi

Giuditta Casale - Giuditta Legge

Intervista a Lanfranco Caminiti: «Ho scritto Senza di mattino, molto presto, spesso ancora buio, in un silenzio assoluto. Una, due ore. Un piccolo paragrafo alla volta. Non tutti i giorni. Avevo con m...
Leggi

Federico Lonoce - La Balena Bianca

La scrittura in questo memoir si fa personaggio tra i personaggi, celebra quella poesia della quotidianità che resta sempre inconsumata e che a tratti si cristallizza nel gusto precario dei taccuini o...
Leggi

Edoardo Monti - Leggere tutti

Una cronaca dell'assenza, ma anche il resoconto d'un passato fatto di luoghi, e di tempo speso insieme.
Leggi

Lisa Ginzburg - Avvenire

Il dolore possiede un suo ossessivo egoismo e Lanfranco Caminiti lo sa bene: la maturità narrativa arriva anche da lì.
Leggi

Marcello Barbaro - Il Gattopardo

Il racconto di un grande amore cui è stata impedita la possibilità di invecchiare.
Leggi

Marina Finaldi - Mar dei Sargassi

Caminiti si interroga, infatti, circa la particolarissima e privatissima abitudine degli amanti a inventare per sé una lingua propria.
Leggi

Domani

Raccontare la morte degli altri dà senso alla sopravvivenza: un intervento di Lanfranco Caminiti.
Leggi

Francesco Festa - Carmilla online

La sensazione più marcata che Senza traduce in parole è il disorientamento dopo una perdita, la difficoltà di mettere a fuoco, ma anche la bellezza di un amore che dura per sempre, di un filo che non ...
Leggi