Great Oniric Age

Titolo originale: Grande Era Onirica
Book published: March 2017
Book pages: 180
Rights sold to:


The life of the young Marta is an impatient journey through the boulevards in Paris, the squares in Siena and through the woods in Marche. It’s a journey intertwined with absolute and absolutely wrong loves, dusted with drugs and beauty products to control anxiety, stubbornly waiting for that happiness that is waiting somewhere. Marta knows that she has drown the right card in the wheel of fate, everything was prepared in order to make things go well for her, but her feeling fine is just the smooth and illusory surface of an iced lake. Marta moves in the centre, where the crust is thinner and you can’t perceive danger. But she doesn’t resign herself to stay there. She backs to the surface, through the waves of dreams and drugs, through the waves of her family stories and her fatal passion for a man much older than her. Great Oniric Age is an impolite novel, bravely sincere and moving, sustained by a virtuous, vivid and dreamy language. It’s a coming-of-age story of a young woman in the confusion of the present.

Press reviews

Primavera Contu - I Libri degli Altri

Narrarsi Addosso – Dal blog alle Ere Oniriche di Marta Zura-Puntaroni: l'intervista.
Leggi

Collettivo Paolo Uccello

La buona letteratura deve tranquillizzare chi è turbato e turbare chi è tranquillo: intervista a Marta Zura-Puntaroni.
Leggi

Gabriele Orsi - ShakeMyMag

Una scrittura graffiante, scomposta e maleducata, che rivela gli umori neri di una ragazza, e forse di una generazione, che vuole credere nel suo mondo nonostante il mondo di ieri cerchi di estromette...
Leggi

La Nazione - Firenze

Marta Zura-Puntaroni in finale al Premio Fiesole con "Grande Era Onirica".
Leggi

Gazzetta d'Asti

Marta Zura-Puntaroni presenta "Grande Era Onirica" ad Asti.
Leggi

Fulvio Paloscia - la Repubblica - Firenze

Un libro che mette a disagio. E per questo diverso, violentemente diverso rispetto alla media uniformata, standardizzata, omogeneizzata dei debutti letterari.
Leggi

Elisa Fabbri - Gazzetta di Parma

La scrittura è, volutamente, graffiante, impetuosa, sconcertante, spontanea, scelta per poter raccontare il disagio, i mutamenti d'umore, il tormento e le cadute nell'ansia o nella depressione.
Leggi

Corriere di Siena

Le ansie e le paure degli under 30, tra le incertezze dei nostri tempi, la voglia di evadere e di vivere, ma fuori dalla pura teoria.
Leggi

Il club dei lettori solitari

Lo stile di Marta Zura-Puntaroni è diretto, brutale, coinvolgente.
Leggi

Chiara Dalmasso - L'Indice

Un romanzo che ha finalmente il coraggio di esporsi, e lo fa con uno stile energico e sfacciatamente diretto.
Leggi

Ilaria Palomba - Succede Oggi

Un romanzo di una bellezza devastante.
Leggi

Giuseppe Recca - La Sicilia

Marta Zura-Puntaroni ospite del "Letterando in Fest" di Sciacca.
Leggi

Giacomo Lucarini - Giacomolucarini.it

Dal blog al romanzo: intervista a Marta Zura-Puntaroni.
Leggi

Camillo Langone - Il Foglio

Sia lodata questa nuova scrittrice marchigiana.
Leggi

Alessandra Di Pietro - Gioia

Diario della psicanalisi e degli psicofarmaci di una trentenne primogenita talentuosa, fatalista e facilmente annoiabile, tra tanti amori assoluti e sempre sbagliati, con alle spalle una normale famig...
Leggi

L'Officina del Libro

Stile scanzonato, senza pudore, senza tabù, graffiante, crudo.
Leggi

Alessandra Balla - Robinson - la Repubblica

Uno stile evocativo, ma al contempo crudo e rabbioso.
Leggi

Gaia Gennaretti - il Resto del Carlino

"Anche le Marche nel mio libro": Marta Zura-Puntaroni presenta "Grande Era Onirica" a San Severino.
Leggi

Roma Online

Un libro potente.
Leggi

Noemi Milani - Il Libraio

"Parlare della propria generazione è la cosa più difficile": intervista a Marta Zura-Puntaroni.
Leggi

Petunia Ollister - Robinson - la Repubblica

"Grande Era Onirica" consigliato nella rubrica #BookBreakfast.
Leggi

Gianluigi Bodi - Senzaudio

L'esordio di Marta Zura-Puntaroni è ottimo.
Leggi

David Valentini - Tracce di libri

L’autrice ha già un linguaggio suo, ed è un linguaggio feroce, brutale, viscerale, che non perdona.
Leggi

Massimo Biliorsi - La Nazione - Siena

Bella e originale scrittura. Una storia profonda, ben raccontata.
Leggi

Strafanti

Storia di paura dell'abbandono, di dipendenza, di falsi equilibri. Un libro che ti lascia qualcosa dentro.
Leggi

Fabrizio Ottaviani - Il Giornale

Domina la pagina uno snobismo intelligente e colto che finisce per salvare la protagonista.
Leggi

Francesca Crescentini - Tegamini

È un libro combattivo, pieno di rabbia e di volontà malfunzionanti, di uomini dannosi, superficiali e deludenti e del segno che le persone lasciano inconsapevolmente dopo il loro passaggio.
Leggi

Raffaella De Santis - la Repubblica

Officina Italia: i talent scout della narrativa. Minimum fax pubblica il romanzo d'esordio di Marta Zura-Puntaroni.
Leggi

Rossana Ferrari - Vita su Marte

Un racconto sofferto e sporco di un disturbo psichiatrico in costante evoluzione.
Leggi

Rossella Montemurro - Il mio tg

La scrittura della Zura-Puntaroni è vorticosa e graffiante, le situazioni che descrive sono per il lettore, a volte, un pugno allo stomaco.
Leggi

L'Unione Sarda

Novità in libreria: i freschi di stampa.
Leggi

Città della Spezia

Marta Zura-Puntaroni presenta "Grande Era Onirica" a La Spezia.
Leggi

la Repubblica - Milano

Marta Zura-Puntaroni presenta il suo romanzo d'esordio a Milano.
Leggi

I'm not a groupie

Un pugno nello stomaco che dura per 180 pagine.
Leggi

Parma Today

Marta Zura-Puntaroni presenta "Grande Era Onirica" alla libreria Diari di Bordo di Parma.
Leggi

Francesca Milano - In altre parole

Come attraversare le proprie ere oniriche e uscirne viva.
Leggi

Marco Dellantonio - Lettera.com

Confessioni di un sicario dell'economia, indipendentemente dalle polemiche che ha scatenato, presenta un quadro della lotta per la supremazia planetaria che merita di essere preso in considerazione (p...
Leggi

- Fahrenheit - Radio 3

"Grande Era Onirica" è il Libro del Giorno di Fahrenheit: ascolta l'intervista a Marta Zura-Puntaroni.
Listen