Book published: April 2022
Book pages: 545
Translator: Rocco Fischetti
Rights sold to:



Press reviews

Chiara Beretta - Vanity Fair

Come si può amare un lavoro che spesso è tossico, precario, senza possibilità di crescita e pagato poco o niente e che, intanto, chiede di essere sempre reperibili, molto flessibili negli orari, volen...
Leggi

Irene Soave - 7Corriere - Corriere della Sera

Un denso articolo con un approfondimento sulle grandi dimissioni in Italia e una ricca intervista a Sarah Jaffe
Leggi

Giorgio Zanchini - Radio Anch'io - Rai Radio 1

Giorgio Zanchini intervista Sarah Jaffe.
Leggi

Alessia Gasparini - Left

«Il lento declino delle condizioni lavorative all’improvviso è diventato ben visibile». Intervista a Sarah Jaffe.
Leggi

Repubblica.it

Un estratto da «Il lavoro non ti ama» di Sarah Jaffe.
Leggi

Andrea Bajani - Marie Claire

Andrea Bajani intervista Sarah Jaffe
Leggi

Irene Doda - Il Tascabile

Abbiamo discusso con Sarah Jaffe di diversi temi trasversali al suo saggio, per riflettere su come inquadrare il fenomeno del labor of love nella contemporaneità.
Leggi

Riccardo Staglianò - Il Venerdì - la Repubblica

Decostruisce il ricatto per cui tante occupazioni, soprattutto intellettuali, pagano salari da fame contando sul fringe benefit della passione nei confronti di quell'attività.
Leggi

Giovanni Cerro - L'Osservatore Romano

Il tempo del lavoro sembra ormai aver fagocitato l'intera esistenza umana.
Leggi

Mara Stefanile - L'Indiependente

Il lavoro è lo strumento con cui ci ricatta il sadismo del Capitale, per ottenere approvvigionamento narcisistico.
Leggi

V + Magazine

Forse "amare" non è il verbo giusto da mettere prima della parola "lavoro".
Leggi

Francesco Sani - Off - Il Blog di Workitect

Con una forte base teorica che va da Karl Marx a Silvia Federici, da Mark Fisher a Selma James, il saggio mostra che il capitalismo è anche manipolazione delle emozioni, ha bisogno dell’adesione ideol...
Leggi

Elisa Marasca - Persone & Conoscenze

Jaffe vuole mostrare che il neoliberismo è un progetto di manipolazione delle emozioni, ma sta crollando ed esiste una possibilità di lotta a partire dalle sue rovine.
Leggi

Maria Rosa Cagnasso - Antropia

Quali sono le conseguenze principali di questa scelta totalizzante? La prima, più evidente, è il precariato, affettivo-umano-economico. Spesso si sopravvive appena, con il rischio di restare schiaccia...
Leggi

Natalie Sclippa - La Via Libera

Un cambio di priorità, in cui poter iniziare ad affrontare crisi politica, economica ed ecologica insieme.
Leggi

Emanuela Colatosti - Periodico Italiano Magazine

Il racconto dell'incontro tra Sarah Jaffe, Christian Raimo e Aboubakar Soumahoro a proposito di «Il lavoro non ti ama».
Leggi

Massimo Alberti e Francesca Coin - Radio Popolare

Intervista a Sarah Jaffe
Leggi

Radio Popolare

Sarah Jaffe ai microfoni di Radio Popolare ha parlato di «Il lavoro non ti ama» con Massimo Alberti.
Leggi

CronacaQui

Intervista a Sarah Jaffe
Leggi

Gabriele Ottaviani - Convenzionali

Si lavora per vivere, non si vive per lavorare.
Leggi

Alex Foti - Pulp Libri

Il testo formativo di una nuova generazione di agitatori e agitatrici sindacali.
Leggi