Book published: November 2014
Book pages: 411
Translator: Marco Bertoli

Press reviews

Diego De Angelis - Rivista!unaspecie

Fulmini a Kansas City è un libro che definirei “notturno”, adagiato nell’atmosfera perduta di un’era lontana. Motivo per il quale gli aneddoti raccontati, su Parker, spesso suonano di mitologico, nono...
Leggi

Andrea Di Gennaro - Il Fatto Quotidiano

Un romanzo in musica.
Leggi

Diego Gabutti - Italia Oggi

Stanley Crouch è il Charlie Parker delle biografie.
Leggi

Luigi Onori - Il manifesto

La chiave vincente di Fulmini a Kansas City è quella di non aver perpetuato il mito del «genio e sregolatezza» ma di aver incardinato la figura parkeriana (nella sua effettiva genialità) all'interno d...
Leggi

Music Fanpage

Se amate il jazz, le biografie di minimum fax sono quello che fanno per voi.
Leggi

Piero Melati - Il Venerdì - La Repubblica

Il libro di Crouch non è solo la biografia più straordinaria sugli anni giovanili di un genio. È anche una storia dell'America.
Leggi