Speciale Cardiaferrania
Introduzione

Introduzione

di minimum fax

Con la pubblicazione di Cardiaferrania del duo Falcinelli-Poggi minimum fax si avventura ufficialmente nei perigliosi mari dell’editoria di fumetti.
Nonostante, come leggerete subito qui sotto, gli autori del nostro primo graphic novel amino definire Cardiaferrania un romanzo per immagini, e nonostante noi stessi abbiamo deciso di pubblicare il libro nella collana di narrativa italiana Nichel, senza quindi fare distinzioni fra generi, dobbiamo ammetterlo: è più semplice cedere al senso comune che superare le divisioni e gli schemi imposti dal mercato. Per cui, diamoci un taglio, e usiamo pure senza indugi questo terribile termine amato-odiato: fumetti. Fatecelo ripetere per esorcizzare: fumetti fumetti fumetti. Questo è uno speciale sui fumetti!
Bene, possiamo procedere.
Oltre al duplice testo che segue – una riflessione ex post, e non illustrata, da parte dei due autori di Cardiaferrania sulla teoria e la pratica del loro lavoro – ciò che vedrete in questo speciale è una serie di work in progress. Vale a dire: lasciamo aperto un sottile spiraglio della porta del nostro laboratorio editoriale per farvi curiosare fra alcuni dei progetti che minimum fax, spiegate ormai le vele, ha messo in cantiere per sfidare il mare aperto di cui sopra.
Un’altra emergente coppia creativa fra le più interessanti del nostro panorama fumettistico (Cammo&Casali) e due nomi affermati come Giandelli e Igort hanno raccolto la sfida e si sono arruolati per la spedizione. Scopo della missione, come vedrete, è dare un volto e delle ambientazioni, e in generale dare nuova vita attraverso una forma diversa (per immagini appunto) alle storie di alcuni degli autori del catalogo minimum fax: Jonathan Lethem, Raymond Carver, Thom Jones. 
Completa il tutto un piccolo scoop di minimum fax: è un lungo articolo dello stesso Lethem sul suo personalissimo modo (molto letterario e al tempo stesso molto pop) di leggere i fumetti più classici della cultura americana per immagini degli ultimi decenni.
 Buona lettura.

Google+