Dio mio, grazie

Un romanzo che capovolge i dettami della tradizione ebraica con uno stile unico e sbalorditivo.
Harold Bloom

Riemerso da una spedizione in fondo all’oceano, il paleontologo ebreo Calvin Cohn scopre con sgomento che nel frattempo la Terra è stata colpita da un secondo diluvio universale. Per un «minuscolo errore» di Dio, Calvin è l’unico uomo a essere sopravvissuto. Si ritrova così naufrago su un’isola insieme a Buz, uno scimpanzé che un esperimento scientifico ha reso capace di parlare. Quando appaiono le altre creature scampate alla sciagura – degli scimpanzé, dei babbuini e un gorilla – Calvin si impegna a educarle come esseri umani, convincendosi poco a poco che grazie a loro potrà nascere la generazione che ripopolerà il pianeta, e che Dio tornerà ad amare le sue creature.
Una svolta radicale rispetto agli altri romanzi di Malamud, una geniale favola di fantasia sul futuro dell’uomo e insieme una cruda parabola sulla sua natura, narrata con quella ricchezza d’invenzione e di scrittura che conferma Malamud fra i massimi scrittori americani di sempre.

Con una prefazione di Fabio Stassi 

Le recensioni della stampa

Alessandro Litta Modignani - Il Foglio
Una storia "bibilica" come poche altre, una distopia tutta ebraica intessuta di aneddoti e parabole, metafore e simbolismi.
continua la lettura
Paolo Simonetti - Alias - il manifesto
Un'affascinante e disturbante incursione nella fantascienza, un romanzo post-apocalittico che è anche la favola più surreale scritta da Malamud - al tempo stesso umoristica e profondamente drammatica.
continua la lettura
Sabina Minardi - L'espresso
La scrittura esatta di Malamud trascina ipnotica in un regno di fantasia che strappa di continuo il sorriso.
continua la lettura
Informazione Corretta
Ristampato il capolavoro di Bernard Malamud: "Dio mio, grazie".
continua la lettura
Rossella Montemurro - Il mio tg
Malamud, tra i più grandi scrittori americani di sempre, in Dio mio, grazie regala una favola di fantasia sul futuro dell’uomo che vuole essere, al tempo stesso, una cruda parabola sulla sua natura. Se il romanzo rappresenta una svolta radicale rispetto ai precedenti, il trait d’union è nella versatilità, nella ricchezza d’invenzione e di scrittura con le quali la storia è narrata.
continua la lettura
Prezzo copertina
16 €
- sconto 15%
13,60 €
Prezzo copertina
8,99 €

LIBRO
EBOOK
Titolo Originale
God's Grace

Traduzione
Camillo Pennati

ISBN
978-88-7521-780-8

Pagine
241

Pubblicazione
febbraio 2017


contenuti extra

Ti consigliamo anche

Bernard Malamud
Il Popolo Il popolo, tra le opere più ambiziose di Malamud
Bernard Malamud
Il cappello di Rembrandt I racconti di Bernard Malamud 
Bernard Malamud
Per me non esiste altro Le riflessioni di un grande del Novecento sull’arte di scrivere storie
Bernard Malamud
L’uomo di Kiev Vincitore del Premio Pulitzer e del National Book Award ad aprile in libreria
Bernard Malamud
Il commesso Torna in libreria alla vigilia del centenario della nascita di Bernard Malamud (1914-2014) il...
Bernard Malamud
Prima gli idioti La raccolta che confermò l’eccezionale talento di Bernard Malamud nella forma del...
Bernard Malamud
Ritratti di Fidelman La saga grottesca di un classico antieroe malamudiano, artista peregrino per un'Italia...
Bernard Malamud
Le vite di Dubin Riproposto finalmente oggi, a trent’anni dalla sua prima pubblicazione nel 1979, questo...
Bernard Malamud
Gli inquilini Gli inquilini, pubblicato originariamente nel 1971, è la storia di Harry Lesse...
Bernard Malamud
Il migliore Torna in libreria uno dei più grandi romanzi americani del dopoguerra, un classico perenne:...
Google+