La guerra dei mondi

Un vero classico, che ha indicato la via da seguire non solo a tutti gli scrittori di fantascienza, ma a un’intera civiltà che voglia analizzare se stessa.
The Guardian

Alla fine del 1800, da più parti del mondo giungono bollettini circa strani disturbi atmosferici e nei dintorni di Londra si rinvengono misteriosi cilindri precipitati dal cielo. La curiosità lascia il posto al terrore quando si diffonde la sconcertante rivelazione: la Terra è stata invasa dai marziani. Gli uomini, il cui intelletto è tragicamente inferiore a quello degli alieni, saranno costretti a condividere il destino delle «bestie che periscono».
La guerra dei mondi
, pubblicato la prima volta nel 1897 e qui riproposto nella nuova traduzione di Vincenzo Latronico, è il romanzo più famoso di H.G. Wells. Una storia così vivida e realistica che, quando l’adattamento di Howard Koch – contenuto in questo volume – fu trasmesso dalla CBS nel 1938 per la regia e la voce del giovanissimo Orson Welles, un’ondata di panico travolse migliaia di americani convinti che un’invasione aliena fosse realmente in corso.
H.G. Wells, dotato di una straordinaria forza narrativa, è l’artefice di una delle prime opere in cui la scienza incontra la fantasia, plasmando in modo irreversibile l’immaginario collettivo e, forse, la stessa idea di futuro.

Con una prefazione di Antonio Franchini

Con la sceneggiatura di Howard Koch trasmessa dalla CBS per la regia di Orson Welles 

Le recensioni della stampa

Antonio Iannotta - Quaderni d'altri tempi
Con Wells inizia una lunga serie di metamorfosi del marziano, che si rivelerà nel tempo figura privilegiata dell’immaginario terrestre, ideale per veicolare messaggi modellati degli eventi storici.
continua la lettura
Stefano Gallerani - Alias - il manifesto
Un libro che, come di rado capita con questa intensità, aveva intercettato e preconizzato pulsioni e fantasmi di una società allo sbando.
continua la lettura
Irene Bignardi - Il Venerdì di Repubblica
Un testo fondamentale.
continua la lettura
Il Venerdì di Repubblica
Il romanzo culto del 1897 con una nuova traduzione d'autore.
continua la lettura
Silvia Cardinale Pelizzari - Linkiesta
I libri più attesi di ottobre.
continua la lettura
Silvia Cardinale Pelizzari - Finzioni Magazine
Le uscite più attese del mese di ottobre.
continua la lettura
Gabriele Ottaviani - Convenzionali
Magnifica edizione. Semplicemente da non perdere.
continua la lettura
Francesco Longo - Rivista Studio
Il romanzo di Wells esce nel 1898 e fonda un immaginario.
continua la lettura
Il Post
Le opere che hanno perso il copyright nel 2017.
continua la lettura
Prezzo copertina
14,50 €
- sconto 15%
12,33 €
Prezzo copertina
7,99 €

LIBRO
EBOOK
Titolo Originale
The War of the Worlds

Traduzione
Vincenzo Latronico

Prefazione
Antonio Franchini

ISBN
978-88-7521-752-5

Pagine
293

Pubblicazione
ottobre 2016


contenuti extra

Ti consigliamo anche

Walter Tevis
Solo il mimo canta al limitare del bosco Una distopia postmoderna sulle inquietudini dell’uomo.
Jerzy Kosinski
Oltre il giardino Un classico della letteratura americana
Bernard Malamud
Il commesso Torna in libreria alla vigilia del centenario della nascita di Bernard Malamud (1914-2014) il...
Henry Miller
Ricordati di ricordare Parigi e l’America, l’odio per la guerra e l’amore per la libertà in...
Stanley Elkin
Il condominio Una commedia travolgente da un maestro dell’umorismo ebraico americano
Orson Welles
It's all true Un indimenticabile «incontro ravvicinato» con uno dei cineasti più innovativi...
Walter Tevis
Il colore dei soldi Pubblicato nel 1984, pochi giorni prima della morte di Walter Tevis, Il colore dei...
Henry Miller
Parigi-New York andata e ritorno Scritto nel 1935 e pubblicato oggi per la prima volta in Italia, questo libro nasce nel periodo di...
Bernard Malamud
Gli inquilini Gli inquilini, pubblicato originariamente nel 1971, è la storia di Harry Lesse...
Walter Tevis
L'uomo che cadde sulla Terra Qui trovi la nuova edizione e l’eBook.«Non era un uomo, eppure era molto simile...
Stanley Elkin
Magic Kingdom Dopo Barth, Purdy, Yates, minimum fax continua nella sua riscoperta dei "classici contemporanei"....
Google+