Tina

Nei romanzi di Alessio Torino è la poesia a vincere sulla prosa.
Goffredo Fofi

Alessio Torino è veramente bravo a scrostare il crepuscolarismo eterno della provincia italiana.
la Repubblica

Tina, una ragazzina che tutti scambiano per un maschio, arriva a Pantelleria con sua madre e sua sorella Bea. Sembrerebbe una normale vacanza estiva, ma le cose non stanno così. Pochi mesi prima, il papà di Tina ha lasciato la moglie per correre dietro a un’amante molto più giovane di lui. Tina e Bea vedono alternarsi sul viso della loro mamma lo sconforto, l’ottimismo, la disperazione, ma alla loro età anche un dramma come la fine dell’unità familiare può assumere i contorni dell’avventura.
A complicare le cose la presenza sull’isola di personaggi strani: una campionessa di nuoto francese che affascina Tina, il suo fidanzato che colpisce al cuore Bea, un uomo alla deriva che attira più del dovuto la madre. L’estate va avanti, ma prima che sia finita l’impatto sempre rimandato con il dolore del cambiamento si farà sentire. Alessio Torino crea una cornice narrativa perfetta per il più classico rito di passaggio: il momento lancinante in cui raggiungiamo l’età adulta e ci rendiamo conto di aver perso qualcosa, irreparabilmente.

Le recensioni della stampa

Alice Pisu - la Repubblica Parma
Tra le pagine di "Tina" si dispiega un quadro vivido e appassionato tra innocenza e la sua perdita, egoismi, rassegnazione e disillusione, rabbia ma anche malinconia e solitudine, sul filo dell’attesa.
continua la lettura
Paolo Petroni - Ansa
Un delicato, insinuante romanzo di formazione scritto con uno stile di grande nitore e apparente semplicità, delicato e dal sapore appena nostalgico, che usa il microcosmo dell'isola e le libertà estive per far risaltare a contrasto il mondo di azioni e reazioni, di sussulti e sospetti, di interrogativi e di piccoli piaceri e sfide di Tina col suo sguardo al futuro, raccontandocela come dall'esterno, come facendocela seguire e vedere in una tensione che è quella del crescere, più che spiegandocela e rivelandone esplicitamente i sentimenti.
continua la lettura
Caterina Bonetti - Soft Revolution
Un percorso di trasformazione nel breve spazio di un’estate, osservato da una precisa angolazione temporale: quella di un’età che non ci ha lasciato scampo.
continua la lettura
Alberto Fraccacreta - Succede Oggi
Il Preludio di Tina: intervista a Alessio Torino.
continua la lettura
Federica Guglietta - Ultima Pagina
Si cresce e si capisce chi si è e cosa si voglia diventare solo quando la nostra vita subisce uno scossone. Si tratta della nota sfasatura tra infanzia ed età adulta, in cui niente sarà come prima.
continua la lettura
Antonio R. Daniele - L'Indice dei Libri
Alessio Torino ha il talento dello scrittore autentico.
continua la lettura
Gianni Montieri - Poetarum Silva
"Tina" è un romanzo che ci spiega anche una differenza tra il solitario e la solitudine; ed è un romanzo poetico, limpido e curioso, che ci porta fuori dalla provincia che Alessio Torino ha sempre raccontato. Questa storia è una sfida perché raccontare i bambini (e con i bambini) non è mai uno scherzo.
continua la lettura
Voglio scrivere di te
Un libro necessario per chi ama le storie legate alla crescita.
continua la lettura
Giulia Dattilo - Mangialibri
Non resta in superficie Torino, non si accontenta di seguire da lontano un cammino da condividere con il lettore ma prende per mano i suoi stessi personaggi e li accompagna, senza lasciarli mai, sulle rocce roventi, tra le profondità del mare, tra i profumi inebrianti dei capperi selvatici, del pesce appena preso, sull’umido e scosceso confine che segna la fine dell’innocenza.
continua la lettura
Alessandra Milanese - L'Arena
"Tina", romanzo che sa di poesia: intervista a Alessio Torino.
continua la lettura
Giacomo Giossi - Il manifesto
Alessio Torino convince con una storia minimale eppure avventurosa che ricorda già in apertura il Calvino di «Pesci grossi, pesci piccoli».
continua la lettura
Il Libraio
Un romanzo di formazione da non perdere.
continua la lettura
Valentina Stella - Bellezzarara.it
È un libro che ti scava dentro e rimane lì, vicino al cuore. Un libro che ti porta il vento caldo ma anche la profondità e la spietatezza dell’estate.
continua la lettura
Marina Grillo - Interno storie
Sull’isola, con i suoi retaggi letterari e le suadenti metafore, ciascuno prova a ridefinirsi, a guarire di quella strana malattia che è la vita. Raggiungere a nuoto il faraglione, addentrarsi nel cuore nero del vulcano: Tina comincia il suo percorso di crescita, di scoperta della propria identità.
continua la lettura
Sara Polotti - Giornale di Brescia
Quando uno è bravo è bravo punto e basta. Alessio Torino lo è, e lo riconferma con «Tina».
continua la lettura
Cristina Taglietti - La Lettura - Corriere della Sera
Alessio Torino, lo scrittore che nella provincia e nei microcosmi trova la cornice più adatta per le sue storie dall'architettura essenziale. Un maestro nel trasformare la routine in avventura. In questa estate al mare si respira qualcosa dell'atmosfera di "Agostino" di Moravia. Tina ha la forza di uno dei grandi personaggi della letteratura di formazione.
continua la lettura
Goffredo Fofi - Internazionale
Il teatrino degli adulti e lo sguardo attento di una bambina. Per piccoli tocchi narrativi, senza commenti o digressioni, il lettore si ritrova in un mondo di cui, azione dopo azione, scopre insieme a Tina le trame e il non detto.
continua la lettura
Squadernauti
Nelle pagine di Tina sembra che la differenza tra infanzia e adultità non sia calcolabile affidandosi a parametri anagrafici: infantile è chi si protegge dall’oscurità del mondo, adulto è chi corre il rischio di inoltrarvisi.
continua la lettura
Gloria Ghioni - Critica letteraria
Lo stile di Alessio Torino merita una lettura: in questo romanzo breve, la sua scrittura si fa una corsa in riva al mare, mentre conchiglie e le meduse assumono significati altri, che sta al lettore decifrare. Se vuole. Oppure può portare la conchiglia all'orecchio e lasciare che le parole di Torino risuonino. A lungo.
continua la lettura
Caterina Bonetti - Saltinaria.it
Alessio Torino “ci” racconta attraverso Tina, aprendo un cassetto nascosto e di frequente dimenticato: quello dell'ingrata età equidistante dai – letterariamente più frequentati - giochi da bambini e dai disagi adolescenziali. Un età che, sia stata breve o lunga, non ci ha lasciato scampo.
continua la lettura
Marta Benvenuto - Cosebelle Magazine
Un romanzo crudele e poetico. La fine, inevitabile, dell’estate. Della giovinezza. Dell’innocenza.
continua la lettura
Elena Giorgi - I'm not a groupie
Alessio Torino ci accompagna in quel preciso istante in cui finisce l’estate e con essa l’innocenza. Un’estate crudele e poetica che conduce Tina nel mondo degli adulti.
continua la lettura
Pietro Cheli - Amica
Alessio Torino scrive storie senza tempo, dove la scrittura sa condurre per mano i lettori che entrano nelle pieghe dei personaggi.
continua la lettura
Giuditta Casale - Tempoxme Blog
Salvarsi dal dolore non è semplice, né per gli adulti e tantomeno per i bambini. “Tina” è un romanzo felicemente crudele, metaforico, esistenziale. Nella concretezza delle immagini, nell’atmosfera perturbante dell’estate, l’adolescenza di Tina deflagra, non solo per quello che comprende, trattata da piccola adulta, ma soprattutto per quello che percepisce.
continua la lettura
Internazionale
Consigliato dalla redazione di Internazionale.
continua la lettura
Gloria Ghioni - Il Libraio
Comunicare a parole il malessere è complesso, forse impossibile: meglio spiare gli adulti, origliare i loro amori e intuire i loro turbamenti, provando a interpretare quel che è ancora poco chiaro.
continua la lettura
Giorgia Lodato - MeridioNews
Prendete un uomo che lascia la moglie per inseguire una giovane amante, aggiungete lo sconforto e la disperazione, ma anche sprazzi di ottimismo, della donna appena abbandonata e la reazione delle figlie, che tra sconforto e sete d’avventura, affrontano lo sgretolamento della propria famiglia.
continua la lettura
Tele2000
Lo stile pulito, la lingua accurata, la natura in cui ci si immerge e i personaggi che la animano (vivi e veri nelle loro contraddizioni) ne fanno un romanzo raro nel rispetto che porta al lettore. Non c’è compiacimento, nulla è superfluo.
continua la lettura
Andrea Caterini - Il Giornale
Una scrittura che non si esibisce mai, ma che mostra una percezione del mondo che è sì sentimentale ma discretissima, e in ragione di questo acuminata.
continua la lettura
Marta Mangione - Sicilia&Donna
Tina è nata grazie a una grande capacità di immedesimazione, quella maschile nel complicato universo femminile, per di più infantile; un incipit venuto fuori in maniera inconsapevole ma rimasto come un chiodo fisso nella mente dello scrittore che da un granello di sabbia ha costruito tutta la perla, Tina.
continua la lettura
Matteo Fontanone - L'Indice dei Libri
Un dipinto bellissimo dai contorni incerti, sfumati da una prospettiva squisitamente femminile che l’autore indossa alla perfezione come fosse un abito di sartoria.
continua la lettura
Donato Bevilacqua - La Bottega di Hamlin
Le storie di Alessio Torino acquistano potenza nell’intimità dei personaggi.
continua la lettura
Federica Guglietta - Uonnabi
Un romanzo di formazione delicato e d’impatto proprio come la sua copertina.
continua la lettura
Caterina Padula - NanoPress
Uno dei talenti più interessanti attualmente sulla piazza, sia per lo stile scorrevole e, a tratti, secco e incisivo con cui racconta le sue storie, sia per le metafore e per le descrizioni raffinate che impreziosiscono le trame dei suoi romanzi.
continua la lettura
La Sentinella del Canavese
Una storia fresca e incalzante.
continua la lettura
Rossella Montemurro - Il mio tg
Alessio Torino è un maestro nel descrivere il mondo interiore delle persone. La penna di Torino va a fondo nelle emozioni che, però, non sono palesate ma si riflettono nelle azioni, nei non detti, nelle contraddizioni di Tina, della sorellina Bea e della mamma durante un’estate a Pantelleria.
continua la lettura
Gloria Ghioni - Critica letteraria
Alessio Torino racconta Tina: l'intervista.
continua la lettura
Giulia Mandrioli - Nefelomanzia
Alessio Torino racconta in modo lucido e intelligente Tina e le sue scoperte, la crisi taciuta e soffocata, il dolore che infine sgorga. Servendosi di una lingua rarefatta ma semplice, lascia anche questa volta margine di interpretazione al lettore.
continua la lettura
Gianfranco Restelli - Città Nuova
Un romanzo sul passaggio all’età adulta, il momento lancinante in cui ci si rende conto di aver perso qualcosa, irreparabilmente.
continua la lettura
Bruna Athena - Il mondo di Athena
Nel romanzo di Alessio Torino Pantelleria è un mondo parallelo. Ogni vicenda personale è vissuta con intensità e lucidità, ma è sospesa nell'indefinito.
continua la lettura
Gazzetta di Parma
Alessio Torino presenta "Tina" alla libreria Diari di bordo di Parma.
continua la lettura
Prezzo copertina
14 €
- sconto 15%
11,90 €
Prezzo copertina
6,99 €

LIBRO
EBOOK
ISBN
978-88-7521-735-8

Pagine
141

Pubblicazione
giugno 2016


Rights
view details


contenuti extra

Ti consigliamo anche

Marcello Fois
Ex voto Una madre, una figlia e una superstizione – una grazia o una maledizione – a legarne...
Rossella Milone
Il silenzio del lottatore La scrittrice che in Italia stavamo aspettando da anni
Marco Peano
L’invenzione della madre Imparare a dire addio a ciò che amiamo. Un romanzo struggente e coraggioso sul lato meno...
Christian Raimo
Le persone, soltanto le persone Una raccolta di racconti che piacerebbe ad Alice Munro. Amori, tradimenti, riconciliazioni. Un...
Carlo D'Amicis
Quando eravamo prede Il nuovo romanzo di Carlo D’Amicis
Stefano Sgambati
Gli eroi imperfetti Un romanzo d’esordio in cui noir, erotismo e lessico familiare creano una miscela...
Michele Masneri
Addio, Monti Fra Colazione da Tiffany e La grande bellezza, un irresistibile romanzo...
Alessio Torino
Urbino, Nebraska Il nuovo romanzo di Alessio Torino
SIC, Scrittura Industriale Collettiva
In territorio nemico Un avvincente romanzo storico sulla Resistenza. Una straordinaria esperienza di scrittura...
Cosimo Argentina
Per sempre carnivori Un thriller caustico e politicamente scorretto ambientato in una scuola italiana del Sud
Paolo Cognetti
Sofia si veste sempre di nero L’atteso ritorno dell’autore di Manuale per ragazze di successo e...
Filippo D'Angelo
La fine dell’altro mondo Un rito purificatorio e, insieme, un magnifico esordio. 
Carola Susani
Eravamo bambini abbastanza Sospeso tra favola nera, parabola sull’esistenza, storia di formazione, il nuovo romanzo...
Alessio Torino
Tetano Quattro ragazzi, un’estate, un fiume da esplorare: fra suspense e commozione Alessio...
Google+