Due o tre cose che so di me

Scritti e conversazioni sul cinema

Tra gli autori della Nouvelle Vague, Jean-Luc Godard è il più sperimentale e critico: la sua riflessione teorica sul cinema, che ha fatto sempre da controcanto alla sua opera di regista, ha avuto un ruolo chiave nel panorama mondiale della settima arte dagli anni Sessanta in poi. È per questo che oggi Godard è considerato il padre del cinema d’autore; e per questo era indispensabile pubblicare finalmente in Italia quest’opera da tempo attesa da chiunque si occupi di cinema per passione, per studio o per mestiere. Formatosi alla grande palestra critica dei Cahiers du cinéma, questo geniale e temuto maestro si è servito di volta in volta della recensione, della lettera, della divagazione, della conferenza, dell’intervista, della polemica o del saggio per chiarire agli altri e a se stesso la direzione che stavano prendendo la sua ricerca cinematografica e le idee più generali sull’arte del cinema.

Le recensioni della stampa

La rivista del cinematografo
Hitchcock o Godard?
continua la lettura
Marco Di Cesare - Close up
Due o tre cose che so di me.
continua la lettura
Francesco Troiano - TTL - La Stampa
Godard si racconta.
continua la lettura
Giuseppe Montesano - l'Unità
Il cinema? La libertà di raccontare i sogni.
continua la lettura
Mario Calderale - Segno Cinema
Due o tre cose che so di me.
continua la lettura
Andrea Grieco - Alphabet City
Due o tre cose che so di me
continua la lettura
Dario Zonta - Lo Straniero
Due o tre cose che so di me.
continua la lettura
Giudizio Universale
Due o tre cose che so di me
continua la lettura
Quotidiano.net
Due o tre cose che so di me, Godard si racconta tra le righe
continua la lettura
Claudio Siniscalchi - Libero
I folli litigi del dandy stregato da Mao
continua la lettura
Leonardo Merlini - APCOM - Alice.it
Jean-Luc Godard racconta il cinema e se stesso
continua la lettura
Jean-Luc Godard - Il Sole 24 Ore
"Fate film, non poesie"
continua la lettura
Massimo Lastrucci - Ciak
Altre letture.
continua la lettura
Sergio Di Lino - Cinemavvenire
Jean-Luc Godard. Due o tre cose che so di me.
continua la lettura
Prezzo copertina
14,50 €
- sconto 10%
13,05 €

Titolo Originale
Jean-Luc Godard par Jean-Luc Godard

Traduzione
Orazio Leogrande, Andreina Lombardi Bom

Prefazione
Enrico Ghezzi

Curatore
Orazio Leogrande

ISBN
978-88-7521-146-2

Pagine
320

Pubblicazione
ottobre 2007


contenuti extra

Ti consigliamo anche


La politica degli autori prima parte: le interviste La «politica degli autori» è la straordinaria, provocatoria teoria critica...

La politica degli autori seconda parte: i testi Questo libro fa da complemento a quello, già pubblicato da minimum fax, che raccoglie le...
Martin Scorsese
Il bello del mio mestiere «Fare un film è di per se un'idea folle, dato che si tratta di un impresa enorm...
François Truffaut
Il piacere degli occhi Il piacere degli occhi è una testimonianza importante di chi ha...

Azione! Michelangelo Antonioni, John Ford, Federico Fellini, Jean-Luc Godard, Alfred Hitchcock, Elia Kaza...
Stanley Kubrick
Non ho risposte semplici Dopo Martin Scorsese, Orson Welles, Woody Allen e Charlie Chaplin, un altro grande regista racconta...
Charlie Chaplin
Opinioni di un vagabondo A trent’anni dalla morte di Chaplin, riunite per la prima volta in volume tutte le sue...
Eleanor Coppola
Diario dall'Apocalisse «Apocalypse Now non è un film sul Vietnam; è il Vietnam. Proprio come gli...
François Truffaut
L'uomo più felice del mondo Il piacere degli occhi è il libro in cui François Truffaut aveva deciso di presentare...

Con un altro obiettivo Il cinema-denuncia di Costa-Gavras, l'umanità di Jack Lemmon, i potenti affreschi di Akira...
Woody Allen
Io, Woody e Allen - Un regista si racconta Dopo i registi della Nouvelle Vague, Martin Scorsese, Orson Welles, minimum fax propone...
Orson Welles
It’s all true Dopo Lars Von Trier, Martin Scorsese e i registi della Nouvelle Vague la collana minimum fax cinema...
David Mamet
Note in margine a una tovaglia Scrittore, sceneggiatore, regista, David Mamet è una delle figure più versatili e...
Lillian Ross
Picture Graham Greene lo ha definito «un’immagine terrificante di come un grande film, diretto...
Google+