La battuta perfetta

Una scrittura densa che non ammette distrazioni, impastata di umorismo
Brunella Schisa • Il Venerdì di Repubblica

D’Amicis scrive con una grande intensità emotiva che non lascia spazi bianchi al lettore
Marco Belpoliti • L’Espresso

Una scrittura che trasmette le vibrazioni emotive, il paesaggio, le trasformazioni, con un’acutezza ironica, mai banale, partecipe ma a tratti un po’ nostalgica e un po’ anche feroce
Mario De Santis • Radio Deejay

Finalmente Carlo D’Amicis consegna il romanzo della nostra trasformazione, un romanzo semplicemente imperdibile
Marco Lodoli • La Repubblica

La copertina di La battuta perfetta, disegnata da Alessandro Gottardo, ha vinto la medaglia d'argento nella categoria Book Cover dell' Annual della Society Of Illustrators.

Vincitore del Premio Parole d'Autore 2011

Le rivoluzioni, di solito, si fanno nelle strade e sono intrise di sangue. Quella che ha trasformato l’Italia negli ultimi cinquant’anni è stato possibile seguirla dal salotto di casa, e si è svolta in un clima di festa. A provocarla, e nello stesso tempo a raccontarla, è stata la televisione.
Alla televisione appartengono i sogni dei protagonisti di questo romanzo: Filippo Spinato e suo figlio Canio. Ma mentre il primo parte dal profondo Sud per diventare, oltre che un solerte funzionario della Rai, l’apostolo della missione educativa intrapresa (e fallita) dalla tv pubblica tra gli anni Cinquanta e Sessanta, il secondo si ribella al suo modello pedagogico per aderire anima e corpo alla televisione commerciale dei decenni successivi, diventando dapprima venditore di «consigli per gli acquisti», e poi addirittura consigliere dello stesso Berlusconi.
Attraverso il conflitto generazionale tra il qualunquismo euforico di Canio e l’ideologia ipocrita di suo padre, si rivela la ridicola tragedia di un paese che, dopo essersi nascosto per anni sotto la maschera grigia di un perbenismo borghese, cerca ora rifugio dietro il cerone di un capo di stato che «vuole solo piacere». Ognuno, in questo apocalittico ed esilarante romanzo, vuole solo piacere. Ma che si insegua il consenso attraverso una dignitosa serietà, o attraverso il riso dionisiaco, folle e disperata sarà la missione, e destinata a rivelare l’irredimibile solitudine dell’essere uomo.

Le recensioni della stampa

La Repubblica
Carlo D'Amicis vince il "Premio Parole d'Autore".
continua la lettura
Stefano Bartezzaghi - La Repubblica
Il bel libro di Carlo D'Amicis ha anticipato il ruolo di "raccontatore di barzellette" che il premier italiano ha deciso di interpretare.
continua la lettura
Angelo Guglielmi - L'Unità
Un libro capace di affrontare e sviluppare con critica leggerezza e robusta ironia alcuni dei temi drammatici della nostra attuale quotidianità.
continua la lettura
Lucio D'Auria - Il Cittadino
La scrittura di D'Amicis colpisce e graffia. In bilico tra le lacrime e una fragorosa risata.
continua la lettura
Rossano Astremo - Il Quotidiano di Puglia
Uno dei romanzi italiani più importanti del 2010.
continua la lettura
Michele Lupo - La Poesia e lo Spirito
Quando D’Amicis dà maggiore corpo alle scene e vi si abbandona, vien voglia di applaudirlo, ché sollecita cuore e intelligenza insieme, emoziona, diverte. E vai a rileggerlo. Perché ti dice il presente e il passato prossimo italiani come pochi.
continua la lettura
Désirée Paola Capozzo - Elle.it
Il racconto della nostra Italia.
continua la lettura
Francesco Lo Polito - Flanerì
Lettura curiosa, quasi bizzarra, quella dell’ultimo romanzo di Carlo D’Amicis.
continua la lettura
Paolo Marasca - Argo
Quello di D’Amicis è un affresco narrativo della società italiana: come negli affreschi del Rinascimento, non a caso, si riconoscono i personaggi più importanti.
continua la lettura
Rossano Astremo - Vertigine
Carlo D’Amicis è un scrittore di razza.
continua la lettura
Rossella Montemurro - Il Quotidiano della Basilicata
D'Amicis si avventura nel dialetto materano.
continua la lettura
Carlo Mazza Galanti - Nuovi Argomenti
Oggi scrittori come D'Amicis, dotati di una spiccata vocazione civile e realistica, devono fare i conti con la persuasione liquida delle teletrasmissioni e con l'effimero e feroce baraccone massmediatico.
continua la lettura
Roberto Falconi - Corriere del Ticino
Un affresco imperdibile del Paese, un romanzo che contribuisce a consacrare definitivamente D'Amicis tra i migliori scrittori italiani di oggi.
continua la lettura
Angelo Orlando Meloni - SiracusaNews
Canio si racconta e ci fa passare attraverso la trasformazione della tv e con essa di tre generazioni di italiani (resta da verificare chi trasforma e chi è il trasformato).
continua la lettura
Malcom Pagani - Satisfiction
Romanzo ambizioso e straniante sulla televisione. L'unico strumento capace di ridisegnare orizzonti, esistenze, destini collettivi e individuali.
continua la lettura
Corriere di Siena
Carolo D'Amicis a Poggibonsi.
continua la lettura
Teo Lorini - Il Primo Amore
Un romanzo che spazia fra nostalgia e abiezione.
continua la lettura
Teo Lorini - PULP Libri
La battuta perfetta è un romanzo scatenato e impreziosito da autentiche trovate di genio.
continua la lettura
Claudia Savarese - Lettera.com
Il libro di Carlo D'Amicis è intelligente e divertente allo stesso tempo.
continua la lettura
Barbara Alberti - A - Anna
Un libro che intimidisce per la sua bellezza.
continua la lettura
Marco Belpoliti - L'Espresso
Forse ci voleva proprio un romanzo per spiegare che la vecchia tv, quella democristiana, e la nuova televisione, quella berlusconiana, sono l'una il rovescio dell'altra.
continua la lettura
Eventisegre.it
Carlo D'Amicis premiato a Poggibonsi.
continua la lettura
Alessandro Moscé - Corriere Adriatico
D'Amicis e la Tv dell'apparire.
continua la lettura
Vincenzo Aiello - Il Mattino
Il racconto della realtà che diventa impegno civile
continua la lettura
Paolo Restuccia - Omero
«In fondo scrivere è un tentativo di riorganizzare il caos.»
continua la lettura
Nando Perrone - La Gazzetta del Mezzogiorno
La battuta perfetta, l'ultimo lavoro dello scrittore D'Amicis
continua la lettura
Valeria Parrella - Grazia
Padre e figlio: come capirsi?
continua la lettura
Marilù Oliva - Thriller Magazine
Intervista a Carlo D'Amicis.
continua la lettura
Massimo Onofri - Avvenire
Una storia popolata da tanti strepitosi personaggi.
continua la lettura
Alfabeta2
La battuta perfetta nella classifica di qualità di Pordenonelegge - Stephen Dedalus.
continua la lettura
Simona Maggiorelli - Terra
Tra i consigli di lettura.
continua la lettura
Bresciaoggi
Attraverso le lenti del paradosso e dell'ironia, Carlo D'Amicis ci permette di cogliere la sostanza tragicomica del mondo in cui viviamo.
continua la lettura
Caterina Soffici - Vanity Fair
Storia di un Paese trasformato dalla tv commerciale.
continua la lettura
Gazzetta del Sud
Come la tv cambia la gente.
continua la lettura
Francesco Forlani - Nazione Indiana
Un romanzo a mio parere imprescindibile, il cui vero oggetto della ricerca è la battuta come replica all’assordante silenzio in cui si è precipitati.
continua la lettura
Paolo Petroni - ANSA
La battuta perfetta è il libro del giorno per il sito ANSA.it.
continua la lettura
Marco Lodoli - La Repubblica
Quando il Paese diventa un luna park
continua la lettura
Corriere del Mezzogiorno
Carlo D'Amicis parla del suo libro alla Laterza di Bari.
continua la lettura
Il Gazzettino
Carlo D'Amicis ospite della rassegna nichel a Venezia.
continua la lettura
Cristina Taglietti - Corriere della Sera
La letteratura è seria in un'Italia da ridere (per non piangere)
continua la lettura
Paolo Ruffini - Torino - La Stampa
La battuta perfetta
continua la lettura
Carlo Mazza Galanti - Alias - Il manifesto
Con i dettagli radio-televisivi
continua la lettura
Luca Mastrantonio - Il Riformista
Per Carlo D'Amicis c'è un po' di Silvio in ognuno di noi
continua la lettura
Alessandro Leogrande - Corriere del Mezzogiorno
D'Amicis e la rivoluzione della tv
continua la lettura
Dario De Marco - Affari Italiani
Carlo D'Amicis racconta la sua tv ideale.
continua la lettura
Gianfranco Franchi - Lankelot
La battuta perfetta
continua la lettura
Benedetta Marietti - GQ
La storia d'Italia vista dentro la tv
continua la lettura
Marta Cervino - Marie Claire
E forza, Italia!
continua la lettura
Antonio Prudenzano - Affari Italiani
D'Amicis racconta la famiglia italiana che cambia insieme alla tv... L'INTERVISTA
continua la lettura
Carlo Mazza Galanti - D - La Repubblica delle Donne
Due generazioni dentro la tv
continua la lettura
Rossella Montemurro - Il Quotidiano della Basilicata
Nella Matera anni '50
continua la lettura
Andy Violet - Aprileonline
lle origini dell'etica televisiva contemporanea nel nuovo libro di Carlo D'Amicis
continua la lettura
Sara Belotti - Car&City
La rivoluzione silenziosa
continua la lettura
Laura Vicenzi - Bassanonet.it
Lo sguardo di Carlo D'Amicis è ricco e complesso, e insieme carico di sarcasmo e di ironia.
continua la lettura
Mario De Santis - Blog di Mario De Santis
Un romanzo in equilibrio tra il racconto della storia italiana e la resa all’inevitabile piega grottesca, oscura, finzionale e plausibilissima della nostra storia.
continua la lettura
Alessandra Nenna - Barisera
Carlo D’Amicis torna con un nuovo conflitto giocato, questa volta, a colpi di telecomando.
continua la lettura
Cataldo Bevilacqua - AtlantideZine.it
Intervista a Carlo D'Amicis
continua la lettura
Il Quotidiano della Basilicata
Filippo Spinato, simbolo della missione educativa (fallita) intrapresa dalla tv pubblica tra gli anni Cinquanta e Sessanta.
continua la lettura
Prezzo copertina
15 €
- sconto 15%
12,75 €
Prezzo copertina
7,99 €

LIBRO
EBOOK
ISBN
978-88-7521-253-7

Pagine
363

Pubblicazione
aprile 2010


Rights
view details


contenuti extra

Ti consigliamo anche

Giuseppe Genna
Assalto a un tempo devastato e vile Assalto a un tempo devastato e vile è il libro cult di Giuseppe Genna, l'opera che...
Gilberto Squizzato
La tv che non c'è Di chi è la Rai? • Audience, canone e pubblicità • In concorrenza con le tv...
Autori vari
Ogni maledetta domenica In Ogni maledetta domenica il mondo del calcio viene raccontato...
Autori vari
Anteprima nazionale Che vuol dire immaginare il nostro paese da qui a vent’anni? È un’esperienza...
Peppe Fiore
La futura classe dirigente Figlio unico napoletano trapiantato a Roma, megalomane, assediato da una selva di nevrosi erotich...
Giorgio Vasta
Il tempo materiale Il tempo materiale è adesso disponibile anche in edizione tascabile: acquistala qui.La 
Carlo D'Amicis
La guerra dei cafoni Selezione Premio Strega 2008 Estate 1975. In un villaggio della costa salentina si rinnova la...
Fabio Stassi
La rivincita di Capablanca La rivincita di Capablanca ha vinto il Premio Palmi e il Premio Coni 2009 per la narrativa...
Paolo Cognetti
Una cosa piccola che sta per esplodere Una cosa piccola che sta per esplodere è disponibile anche in edizione tascabile: acquistala...
Carlo D'Amicis
Escluso il cane Vincitore del Premio Kriterion 2007. La fede contro il dubbio. Le risposte contro le domande. Il...
Google+